Umbria, cacciatori “ausiliari” protagonisti della gestione di conflitti faunistici

Ne ha parlato il presidente della sezione regionale di Arci Caccia, Emanuele Bennati: l'obiettivo è quello di un ambiente più sano.

0
ACR

UmbriaNon c’è più tempo da perdere nella difesa degli interessi della comunità umbra solidamente insediata nei territori rurali. È compito delle associazioni venatorie – e non solo – farsene carico, avere una funzione per ricomporre lo scontro culturale che deriva, troppo spesso, dall’approccio “urbano”, talvolta disinformato e “manipolabile” alla vita nelle campagne, alle tradizioni, agli usi storicamente insediati nei borghi, nei piccoli paesi e in territori marginali. L’esperienza della pandemia spinge, a livello mondiale, a migrazioni verso realtà rurali ove la densità delle popolazioni favoriscono un distanziamento preventivo naturale.

Occorre essere pronti ad accogliere e a educare i “migranti” alle problematiche di gestione del territorio e, nel nostro specifico, alla gestione faunistica, alla predazione tra le specie selvatiche e al ruolo insostituibile dell’uomo  nell’assicurare equilibrio e convivenza tra le specie. Come per tutto il volontariato, occorre separare la giusta passione popolare dei cacciatori e delle loro tradizioni venatorie che fanno e faranno capo agli Atc, dagli interventi di controllo faunistico che non possono che avere come riferimento l’intero territorio agro-silvo-pastorale regionale così da tenere a “giusta distanza” dai centri urbani gli ungulati, oggi in particolare la specie cinghiale, che può trasmettere contagi pericolosi per altre specie, rischi per la sicurezza stradale e ingenti danni all’agricoltura.

L’operatore faunistico Senza una figura qualificata del cacciatore in grado di intervenire per ripristinare gli squilibri faunistici di molte specie, queste peseranno sempre di più anche sulle tasche di tutti i cittadini in quanto la fauna selvatica rimane comunque patrimonio indisponibile dello stato. Serve riconoscere la figura dell’«operatore faunistico», colui che, munito di abilitazione all’esercizio venatorio, formato con adeguate competenze tecniche e regolarmente iscritto a un albo, è autorizzato a rimuovere le fonti del conflitto faunistico. I principali fruitori di questo servizio faunistico dovrebbero essere gli imprenditori agricoli che subiscono i danni.
Anche a loro devono essere assegnate precise competenze come “attrezzare” il loro territorio con appostamenti, altane, percorsi pedonali e carrabili per rendere efficaci gli interventi. I mezzi e le tecniche degli interventi andranno calibrati in base ai territori.

Le proposte Le carni dei capi prelevati andranno indirizzate a centri di raccolta con lo scopo di valorizzarne l’uso per un mercato sano e di qualità. Percorso di valorizzazione a fini alimentari già avviato dalla Fondazione Una, alla quale aderiscono anche le associazioni venatorie nazionali FIdC, Enalcaccia, Arci Caccia, Cncn che ha permesso alcune iniziative sperimentate in altre Regioni, non appropriatamente divulgate per le contraddizioni di altre associazioni venatorie che, alla prospettiva di un ruolo qualificato, affidato anche a cacciatori, preferiscono la lotta delle tessere per la sopravvivenza.

Qui e ora l’Arci Caccia dell’Umbria ritiene che la sintesi dei contenuti che riproponiamo e sono da tempo in “sonno” in archivi polverosi, abbiano bisogno di essere concretizzati. Saranno temi che rilanceremo anche nel nostro congresso perché diventino patrimonio del mondo venatorio che dovrà superare logiche integraliste e corporative che hanno già perso e stanno estinguendo i cacciatori e la loro funzione sociale (Il Presidente Regionale di Arci Caccia Umbria, Emanuele Bennati).

3/5 (2)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here