A Forlì i cacciatori si mettono a disposizione per coordinare i vaccini

I volontari effettuano il servizio di prima accoglienza all’entrata del Palafiera, misurando la temperatura ed igienizzando le mani.

0
Forlì

ForlìCon l’avvio delle vaccinazioni anti Covid 19, un nutrito gruppo di cacciatori appartenenti alla Federcaccia si è messo a disposizione dell’A.U.S.L. con il coordinamento della Protezione Civile per fornire il proprio contributo alla campagna vaccinale che si sta svolgendo presso il Palafiera di Forlì, in via Punta di Ferro. Il Presidente Gianluca Mordenti, ha accolto sin da subito la richiesta di adesione giunta dall’A.U.S.L. Romagna e dopo un breve tam-tam fra i suoi associati non sono mancate le adesioni.

I volontari, coordinati da Renato Ricci, nelle giornate di Lunedì e Martedì effettuano il servizio di prima accoglienza all’entrata del Palafiera, misurando la temperatura, effettuando l’igienizzazione delle mani, fornendo assistenza generale e infine smistando ai punti di accettazione le persone che devono sottoporsi alla vaccinazione. La campagna di vaccinazione della nostra città, dunque, vede coinvolti oltre ai numerosi sanitari e professionisti del settore, anche varie associazioni del territorio che a titolo di volontariato forniscono il proprio contributo, perché l’obiettivo è comune: “l’Italia rinasce con un fiore – vaccinazione anti-Covid 19”

5/5 (3)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here