Ministero dell’Ambiente risponde a cacciatori su piano gestione tortora

Per il Ministero occorre aspettare che l’Europa assegni le quote prelevabili alle Nazioni e stabilire un efficace meccanismo.

0
Ambiente

AmbienteSulla vicenda della mancanza Piano di Gestione Nazionale della Tortora Selvatica, il Ministero dell’Ambiente risponde alle Associazioni della Cabina di Regia. Per il Ministero occorre aspettare che l’Europa assegni le quote prelevabili alle Nazioni e stabilire un efficace meccanismo di monitoraggio e rendicontazione del prelievo per poter autorizzare il prelievo. Oggetto: Tortora selvatica – prelievo venatorio ed approvazione di un Piano di gestione nazionale. Con riferimento a quanto segnalato con la vostra nota del 25 marzo u.s., si informa che questa Direzione generale è a conoscenza della elaborazione da parte della Commissione Europea di un Piano di azione per la Tortora selvatica che prevede un Adaptative Harvest Management Mechanism, partecipando ai workshop dedicati alle due rotte migratorie considerate per questa specie (flyway orientale ed occidentale).

Le prime indicazioni scaturite dal workshop relativo alla rotta migratoria occidentale sembrano indicare che verrà proposta quota 0, mentre si rimane in attesa di conoscere quali siano le indicazioni circa i possibili prelievi venatori relativi alla flyway orientale, certamente più significativa per l’Italia. Per quanto riguarda il Piano di gestione nazionale ripetutamente richiesto dalla Commissione Europea all’Italia in quanto inclusa tra i paesi che praticano la caccia alla tortora selvatica, questa Direzione Generale ha attivato ogni migliore iniziativa per la stesura di un piano di gestione della specie, che fa esplicito riferimento a eventuali adeguamenti nel caso di approvazione di un piano europeo.

Nell’ambito dell’esame da parte della Conferenza Permanente Stato Regioni non è stato raggiunto il necessario consenso; in assenza di tale consenso il Piano non si intende operativo e non possono ritenersi soddisfatti i criteri dettati dalla Direttiva Uccelli che indicano che per le specie in sfavorevole stato di conservazione la necessità di un piano di gestione. Nell’imminenza della predisposizione dei calendari venatori per la stagione 2021-2022 si è quindi ritenuto opportuno richiamare le Amministrazioni Regionali e delle Province Autonome alla necessità di escludere la tortora selvatica da detti calendari. Qualora l’Adaptative Harvest management Plan dovesse essere approvato con la assegnazione di quote nazionali, ogni sua applicazione sarà condizionata alla preventiva attivazione di un efficace meccanismo di rendicontazione degli abbattimenti, anche considerate le attuali carenze nella lettura dei tesserini venatori.

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here