Abita vicino al padre pregiudicato, il TAR gli nega la licenza di caccia

I giudici amministrativi hanno confermato la decisione della Questura di Catania che aveva esaminato il caso.

0
Licenza di caccia

Licenza di cacciaLa Quarta Sezione del Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia si è espressa sul ricorso presentato da un uomo contro il mancato rilascio della licenza di fucile per uso caccia da parte della Questura di Catania. Il no era stato motivato con il fatto che questa persona abita vicino ai propri genitori: il padre del ricorrente è stato condannato per estorsione nel 1995 e per furto aggravato e violenza privata due anni dopo.

Il Questore, in particolare, ha rilevato come la palazzina dei genitori del cacciatore e quella di quest’ultimo si trovino in un unico piazzale privato. Il ricorso è stato motivato con l’assenza di precedenti per quel che riguarda l’uomo e una condotta di vita che è stata definita “specchiatissima”. Il TAR siciliano ha respinto però questo ricorso, appoggiando la tesi della Questura.

Nello specifico, non si tratta di valutare gli eventuali abusi, ma il rischio che il padre pregiudicato si rechi nella palazzina del figlio e possa entrare in contatto con le sue armi. L’Amministrazione ha un potere discrezionale molto ampio in situazioni come questo e secondo i giudici amministrativi il comportamento del Questore di Catania è stato corretto. Le generalità dei protagonisti della vicenda appena descritta sono state oscurate su disposizione del TAR.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here