Al via il progetto di raccolta delle ali della tortora selvatica

Il calo delle popolazioni è un dato di fatto in tutta Europa: i cacciatori sono stati invitati a collaborare, a prescindere dal numero di capi abbattuti.

0
Ali di tortora

Tortora selvaticaL’Ufficio Avifauna Migratoria della Federazione Italiana della Caccia ha invitato i cacciatori che si dedicano alla tortora a prestare la loro collaborazione al progetto di raccolta delle ali del volatile. Come riferito dallo stesso Ufficio, infatti, il calo di questo selvatico è ormai un dato di fatto nell’intero continente europeo e dopo un anno la specie è stata considerata “vulnerabile” e “quasi minacciata”.

La situazione è dunque critica, con una demografia che si presenta maggiormente a favore nell’Unione Europea. Ecco perchè la tortora selvatica deve essere studiata con attenzione se si vuole continuare a cacciarla. Una delle principali collaborazioni su cui può contare l’Ufficio Avifauna Migratoria è quella di FACE, visto che insieme i due enti sono riusciti a creare il piano di gestione internazionale.

Nel corso della prossima stagione venatoria verranno raccolte le ali dei capi abbattuti in Italia, così si approfondirà il sistema riproduttivo delle popolazioni cacciate nel nostro paese. L’impegno deve essere, di conseguenza, puntuale e costante. I cacciatori interessati al progetto in questione sono chiamati a consegnare le ali delle tortore abbattute, a prescindere dal numero totale. C’è un indirizzo di posta elettronica a cui scrivere in questo caso (avifaunasegreteria@fidc.it), altrimenti ci si può rivolgere al responsabile Marco Fasoli.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here