Il regolamento di caccia al cinghiale divide Federcaccia Terni e l’ATC TR3

L'associazione venatoria non condivide l'idea che siano gli agricoltori e i proprietari dei fondi a decidere quando intervenire.

0
Caccia di selezione al cinghiale

Regolamento di caccia al cinghialeLa caccia al cinghiale sta dividendo in modo piuttosto netto la sezione di Terni della Federazione Italiana della Caccia e l’Ambito Territoriale di Caccia TR3. Come riferito da Umbria e Dintorni, la stessa Federcaccia è contraria al regolamento imposto dall’ATC per quel che riguarda il contenimento dell’ungulato nel ternano e nell’orvietano. L’allarme è stato lanciato.

L’associazione è convinta che queste regole consentano ad agricoltori e proprietari di fondi di decidere quando intervenire, scegliendo anche le persone per il prelievo dei cinghiali. Una soluzione del genere non viene condivisa, in quanto introdurrebbe il pericoloso principio della responsabilità di intervento in capo al proprietario, delegittimando le associazioni venatorie. Il presidente di Federcaccia Terni, Giulio Piccioni, ha denunciato già mesi fa la situazione complessa dell’ATC umbro, tanto che i rappresentanti si sono ritirati da tempo.

I problemi gestionali, inoltre, sono stati peggiorati dal passaggio di competenze da province a Regione. Il regolamento giusto per la federazione dovrebbe essere organico e uniforme, così da gestire i cinghiali in tutto il territorio regionale. Un altro principio contestato è quello secondo cui la selvaggina sia proprietà privata. Ecco perchè l’associazione ha chiesto una strada più snella e meno burocratizzata, in grado di risolvere il problema della vigilanza venatoria e coinvolga i cacciatori e tutti gli altri attori con identiche responsabilità.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here