Allarme incendi nel Lazio, cacciatori e agricoltori contro gli ambientalisti e la chiusura della caccia

Diverse sigle regionali hanno puntualizzato alcuni aspetti in una nota congiunta, bollando come "incomprensibili" le richieste degli ambientalisti.

0
Incendi boschivi

Allarme incendi nel LazioLe sezioni regionali del Lazio dell’ANUUMigratoristi, Federcaccia, Ente Produttori Selvaggina, Libera Caccia, Enalcaccia, Italcaccia e Arci Caccia, oltre alle associazioni agricole Coldiretti, Confagricoltura e CIA sono intervenute congiuntamente in seguito alle recenti rivendicazioni ambientaliste sull’allarme incendi. L’emergenza ha portato queste associazioni “verdi” a chiedere la chiusura della caccia, dunque la nota congiunta serve a mettere a fuoco alcune puntualizzazioni.

Anzitutto, la piaga degli incendi boschivi danneggia l’intera comunità, degradando il paesaggio e la biodiversità. Inoltre, i responsabili non sono ancora stati trovati e le stesse associazioni sono attive da tempo nel presidio del territorio regionale, con la disponibilità a collaborare anche con associazioni non venatorie. Tra l’altro, sono cominciate le precipitazioni, di conseguenza non si pone il problema dell’approvvigionamento idrico della fauna selvatica: la caccia alla lepre, poi, inizierà dopo la metà di settembre e quella al cinghiale ancora più avanti.

Le associazioni venatorie e agricole sono consapevoli di come la legge nazionale preveda già il divieto di pascolo e caccia nelle aree verdi interessate dagli incendi, quindi non si comprendono le richieste dei sedicenti ambientalisti. Come si legge nel comunicato, evidentemente queste associazioni puntano a una preclusione della caccia, riservata a cittadini incensurati e abilitati, piuttosto che a risolvere il problema vero e proprio.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here