Anche in Campania si punta alla riapertura dell’attività cinofila

La richiesta di un allentamento delle restrizioni è arrivata in modo congiunto dalle sedi regionali della FIDC ed Enalcaccia.

0
Campania

CampaniaLe associazioni venatorie regionali Enalcaccia e Federcaccia Campania si sono rivolte al Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, per chiedere che con l’allentamento delle restrizioni unitamente alla ripresa graduale delle attività economiche, possano essere consentite le attività sociali e motorie e nello specifico quella riguardante l’attività sportiva cinofila che si svolge nelle ZAC, nelle AFV e nelle AATV autorizzate.

“Visto che lo svolgimento di tale attività da parte di tutti gli appassionati oltre a salvaguardare il benessere psico-fisico dei propri ausiliari ben potrebbe avvenire nel rispetto delle distanze sociali previste e con l’utilizzo dei sistemi di protezione individuali così come disposto dagli Organi di Sanità – scrivono le Associazioni -;

Considerato, inoltre, che tale attività motoria è stata espressamente autorizzata anche dal Presidente della Giunta Regionale della Liguria con propria ordinanza n°22/2020 del 26 aprile 2020 con la quale si è consentito l’allenamento e l’addestramento cani in aree autorizzate nel rispetto del distanziamento sociale e della normativa vigente; chiedono che la Regione Campania autorizzi lo svolgimento delle attività sportive e cinofile richieste, a condizioni che esse vengano svolte in totale sicurezza e nel rispetto delle normative vigente”.

4.8/5 (5)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here