Arci Caccia Toscana chiede al Governo di modificare gli emendamenti sulla carne di selvaggina

Una beffa per i tanti italiani che amano consumarla, visto che come succede per tante altre materie prime, siamo costretti ad importarla dall’estero.

0
Selvaggina

SelvagginaLa carne di selvaggina è una risorsa preziosa che la nostra Associazione da sempre è favorevole a valorizzare. Per questo non si contano le iniziative, i convegni e i documenti a cui abbiamo dato il nostro contributo anche tramite il prezioso lavoro di Fondazione Una. Per questo, in seguito alle notizie battute dalle Agenzie sugli emendamenti approvati dalla Commissione Agricoltura del Senato, abbiamo raccolto il commento di Sirio Bussolotti Presidente Regionale Toscano e Vice Presidente Nazionale.

La notizia dell’approvazione, da parte della Commissione Agricoltura del Senato, di alcuni emendamenti alla finanziaria che di fatto proibiscono la vendita di carni di selvaggina provenienti da prelievo venatorio, ci ha lasciati senza parole. Dopo anni di campagne di sensibilizzazione, studi, convegni, spese per la creazione dei centri di sosta e la formazione dei cacciatori adesso sarebbe tutto finito? Se è uno scherzo non è divertente.

Ci appelliamo al Ministro Bellanova, ai componenti della Commissione Agricoltura e a tutte le forze politiche perché questi emendamenti, frutto di un furore ideologico animalista privo di qualunque senso, non si tramutino in una legge che trasformerebbe la carne di selvaggina da preziosa risorsa, controllata a livello sanitario e venduta in modo legale, in un enorme problema, impossibile da gestire. Una beffa per i tanti italiani che amano consumarla, visto che come succede per tante altre materie prime, siamo costretti ad importarla dall’estero, questa volta non per mancanza di offerta ma per eccessiva burocrazia.

5/5 (4)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here