Aviaria e richiami vivi, l’Istituto Zooprofilattico è disponibile a una deroga

L'Ufficio Avifauna Migratoria della Federcaccia ha incontrato i responsabili: ora è il Ministero della Salute che deve pronunciarsi.

0
Aviaria

Aviaria e richiami viviL’Ufficio Avifauna Migratoria della Federazione Italiana della Caccia è tornato a parlare dell’influenza aviaria e del divieto imposto ai cacciatori di acquatici per quel che riguarda l’utilizzo dei richiami vivi. Lo stesso Ufficio e l’ACMA stanno lavorando da tempo per cercare una soluzione positiva. Una delegazione della Federcaccia si è incontrata con due rappresentanti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie di Legnaro (Padova) e ha approfondito l’argomento.

In particolare, l’obiettivo era quello di capire se la deroga che consente l’uso dei richiami (anseriformi e caradriiformi) possa essere ripristinata. I responsabili dell’Istituto si sono detti disposti a rivedere il divieto, autorizzando i richiami vivi nelle aree che non sono considerate sensibili e a rischio per la diffusione dell’aviaria. Istituto Zooprofilattico e cacciatori, poi, potrebbero collaborare per individuare eventuali aree pericolose.

Il parere di questo ente è comunque subordinato a una richiesta del Ministero della Salute, motivo per cui Federcaccia ha scritto al dicastero per sollecitare la deroga dal 1° novembre, richiedendo allo stesso tempo un incontro con i responsabili per discutere le norme di applicazione. La questione sarà seguita con attenzione anche nei prossimi giorni, nella speranza che la tradizione venatoria possa essere ripristinata molto presto.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here