Avrebbe sparato a un gatto, ma non ci sono prove: dopo 3 anni riottiene la licenza di caccia

Il TAR Lombardia ha accolto il ricorso del cacciatore, il quale doveva rispettare il divieto dal dicembre del 2015.

0
Cuneo

Licenze di cacciaLa sezione staccata di Brescia del Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia si è espressa su un caso molto particolare che ha riguardato un cacciatore. Il ricorso dell’uomo puntava al riottenimento della licenza di caccia e alla revisione del divieto di detenzione delle armi imposto dalla Prefettura. La notifica risale al dicembre del 2015 a causa della mancata offerta di garanzie da parte del cacciatore in merito all’abuso delle armi. Il fatto che siano stati coinvolti i giudici del TAR è stato motivato con la carenza di motivazioni e il tempo trascorso (tre anni per la precisione).

Il mantenimento del divieto originario, dunque, è apparso sproporzionato. Il provvedimento era stato adottato in seguito a una segnalazione dei Carabinieri, secondo cui l’uomo avrebbe causato la morte di un gatto utilizzando un’arma da fuoco. I giudici hanno riconosciuto come il divieto sia privo di istruttoria e anche di motivazioni.

Tra l’altro, è mancato un approfondimento della psicologia e della condotta del ricorrente per continuare a vietare le armi a distanza di oltre 36 mesi. Il ricorso del cacciatore è stato quindi accolto dal TAR Lombardia, con la conseguente compensazione delle spese. La sentenza risale a pochissimi giorni fa e diventerà di sicuro un precedente “pesante” nella valutazione di casi dello stesso tipo.

5/5 (10)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here