Caccia: Lazio, via alla preapertura della Stagione Venatoria 2012-2013

0

Angela BirindelliPubblicato il decreto del Presidente della Regione Lazio relativo alle giornate di preapertura della Stagione Venatoria 2012-2013.

Il Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ha firmato il decreto con il quale viene concesso il periodo di preapertura alla Stagione Venatoria 2012-2013, quindi la possibilità di esercitare l’attività venatoria nelle giornate del 1 e 2 settembre 2012.

L’attività venatoria in preapertura potrà essere esercitata in tutto il territorio regionale ad esclusione dei territori ricompresi nelle Zone di protezione speciale (Zps), inoltre può essere praticata in modalità da appostamento fisso o temporaneo, senza l’utilizzo del cane ed esclusivamente alle specie Tortora, Merlo, Cornacchia grigia, Gazza, Ghiandaia e, novità di quest’anno, la specie Combaccio.

Previsto un carniere per ogni cacciatore non superiore al il limite giornaliero di 20 capi complessivi delle specie autorizzate di cui però non più di cinque capi per merlo e tortora e non più di tre capi per il colombaccio; quest’ultima specie è stata inserita a seguito di un’adeguata valutazione dei dati e studi disponibili sull’avifauna regionale.

L’Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali della Regione Lazio, Angela Birindelli, annunciando la firma del Decreto da parte del Presidente ha affermato, “E’ stato firmato dalla Presidente Polverini il decreto sulla pre – apertura della stagione venatoria”.

Continuando ha spiegato la Birindelli, “Il decreto consente l’esercizio venatorio da appostamento fisso o temporaneo, senza l’ausilio del cane, nel territorio della Regione Lazio, con l’esclusione dei territori ricompresi nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS), nei giorni 1 e 2 settembre 2012. Il carniere di ciascun cacciatore non può superare il limite giornaliero di venti capi complessivi delle specie autorizzate: cornacchia grigia, gazza, ghiandaia, merlo, tortora e colombaccio, di cui non più di cinque capi per specie di merlo e di tortora e non più di tre capi della specie colombaccio”.

Concludendo la Birindelli ha spiegato sulla novità Colombaccio, “Tra le specie cacciabili durante i giorni di preapertura è stato inserito il colombaccio, dopo un’attenta analisi di dati e studi aggiornati sull’avifauna regionale. Un’ulteriore conferma d’attenzione da parte di questa amministrazione regionale nel preservare il fondamentale equilibrio esistente tra la corretta attività venatoria e il rispetto dell’ambiente e la fauna del Lazio”.

E’ possibile visionare il testo completo del Decreto del Presidente della Regione Lazio n.T00276 del 7 agosto 2012 pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio oggi 21 agosto 2012 nella sezione “Calendari Venatori” di Caccia Passione o cliccando al seguente link: Decreto del Presidente della Regione Lazio n.T00276 del 7 agosto 2012.

 

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here