Caccia: Toscana, Cacciatori Toscani sulle nuove aree criticità ungulati, azzerare tutto

0

Confederazione Cacciatori Toscani - Associazioni VenatorieCaccia: Toscana, la Confederazione Cacciatori Toscani sulle nuove aree individuate dalla Regione quali ad alta criticità ungulati, “occorre bloccare ed azzerare tutto!”

Le Associazioni senesi aderenti alla CCT: “Aprire un confronto vero per giungere a soluzioni condivise”. L’individuazione delle aree problematiche per la gestione del cinghiale e degli altri ungulati sta generando un caos che non darà risposta a nessuno dei problemi in campo; al contrario, questa soluzione sta provocando disaffezione ed allontanamento dalle responsabilità da parte del mondo venatorio e non fornisce risposte adeguate agli agricoltori. In questi giorni, avendo potuto valutare appieno le proposte presentate dalla Provincia indicanti la perimetrazione delle aree problematiche – zone con regolamentazione particolare del prelievo degli ungulati e che avrebbero dovuto avere alte incidenze storiche di danni alle colture – ci siamo trovati di fronte ad una individuazione del tutto inadeguata e frutto di decisioni prese a tavolino. Nessuna concertazione con le categorie interessate si è sviluppata ed oggi, a fronte di questa grave situazione, le scriventi Associazioni venatorie respingono ogni responsabilità in merito. Oggi Arci Caccia e Federcaccia di Siena, riunite nella CCT, sono impegnate a rigettare le proposte avanzate ed a sostenere le ragioni coloro che in questi anni si sono impegnati per una corretta gestione del patrimonio faunistico nella nostra provincia, per assicurare la prevenzione ed il controllo numerico degli ungulati con pur i pochi strumenti a disposizione.

L’inserimento nelle aree problematiche di zone storicamente vocate agli ungulati e che non presentano danni sostanziali alle coltivazioni, il non aver affrontato con coraggio il nodo degli abbattimenti anche all’interno dei vari divieti di caccia ed il non aver colto nel nuovo Piano faunistico l’opportunità e la necessità di riconsiderare la vocazionalità dell’intero territorio, sono esempi che mettono in evidenza la mancanza di una adeguata strategia da parte dell’ Amministrazione Provinciale.

Una lunga sequenza di errori e condizionamenti di cui i cacciatori pagano ancora le conseguenze, a partire dalla vicenda del controllo della volpe, dalla crisi degli ATC senesi riguardo la certezza dei trasferimenti economici (risorse previste dalla legge) fino ad arrivare, unico caso in Toscana, all’incapacità di risolvere la grave frattura aperta con la componente agricola autoesclusasi dagli organismi degli ATC.

Tutti temi questi che le associazioni venatorie della CCT hanno recentemente sottoposto con forza al Presidente della Provincia e sui quali siamo in attesa di urgenti risposte e concreti impegni. Tutto ciò si innesta su scelte prodotte dalla regione Toscana che, anziché raccogliere le proposte di largo respiro e più volte sollecitate dalla Confederazione dei Cacciatori Toscani, ha scelto di imboccare la scorciatoia dell’individuazione delle aree problematiche come risposta unica ed assolutamente parziale alla grave e complessa questione della gestione degli ungulati.

Stante tutto ciò è necessario promuovere le seguenti azioni:
1) Bloccare, con il conseguente azzeramento, queste proposte e questo provvedimento;
2) Aprire un percorso di reale confronto ed approfondimento con le categorie interessate ed in primo luogo con le associazioni venatorie;
3) Definire una strategia organica per la gestione degli ungulati, superando l’approccio della parzialità e delle scelte verticistiche.

Confederazione Cacciatori Toscani

 

( 28 maggio 2014 )

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here