Emilia Romagna, la Lega chiede piani di abbattimento selettivo per i lupi

Il consigliere regionale Pompignoli è intervenuto dopo l'attacco da parte di un branco ai danni di un allevamento ovino.

0
Orsi e lupi

Emilia RomagnaMassimiliano Pompignoli, consigliere regionale dell’Emilia Romagna (Lega), ha chiesto interventi urgenti per risolvere il problema del lupo in questa zona. Un branco ha attaccato un allevamento ovino pochi giorni fa a Sogliano sul Rubicone (Forlì-Cesena) e il Carroccio vorrebbe dei metodi di abbattimento selettivi per contrastare l’ibridazione e l’avanzata della specie nelle valli emiliane e romagnole. Ecco cosa ha scritto Pompignoli in proposito: “Far finta che l’emergenza non esista non aiuta di certo a risolverla.

La violenza di questa specie non è più discutibile, così come lo sono i danni, di svariate migliaia di euro, causati dalla ricomparsa del lupo al settore zootecnico e agli allevamenti della nostra Regione. Ma non solo; al di là dell’entità del danno e dei rimborsi regionali assolutamente ridicoli per attacchi determinati da animali selvatici, la specie, com’è noto, è soggetta alla minaccia dell’ibridazione e all’insorgere di fenomeni infettivi che ne alterano la conservazione, l’habitat e lo stato di salute. Questa Regione deve prendere atto dell’emergenza in corso e deve trovare il coraggio, con strumenti adeguati, di regolamentarla.

Questo vuol dire che all’interno del quadro normativo regionale, l’Emilia-Romagna deve correre ai ripari e adottare misure di gestione più decise ed efficaci per contrastare l’avanzata del lupo. Tra queste, come più volte abbiamo ribadito anche in sede di approvazione del piano faunistico venatorio regionale, non può che esserci a nostro avviso la previsione, limitatamente agli ibridi, di concederne il prelievo, la cattura e l’abbattimento, a condizione che non esista altra soluzione valida e che tali azioni non ne pregiudichino il mantenimento, in uno stato di conservazione soddisfacente, nella propria area di ripartizione naturale”.

4.89/5 (9)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here