Falsificò la firma di un cacciatore durante un controllo, 2 anni di carcere per guardia LIPU

L'uomo è stato condannato a due mesi di reclusione (la pena è sospesa) dopo che anche un grafologo ha riconosciuto il falso.

0
Firma di un cacciatore

Firma di un cacciatoreIl giudice monocratico della sezione di Ischia del Tribunale di Napoli ha deciso di condannare una guardia della LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) accusata di falso ideologico. Il processo si è tenuto dopo che si è scoperto quanto commesso dalla stessa guardia ai danni di un cacciatore, un comportamento che è stato punito con due anni di reclusione (bisogna comunque sottolineare che la pena risulta sospesa).

In base a quanto ricostruito dall’accusa, l’imputato ha falsificato la firma del cacciatore dopo un accertamento per quel che riguarda l’attività venatoria. La vittima ha sempre confermato di non riconoscere la propria firma in quella presente nel verbale. Si è quindi scelto di nominare un grafologo forense per venire a capo della questione e l’esperto ha affermato come la firma fosse stata apposta e redatta dalla guardia della LIPU con alta probabilità.

La condanna è stata dunque inevitabile. Altre due guardie dell’associazione animalista che erano state rinviate a giudizio sono invece state assolte dalle accuse. Tra l’altro, l’uomo condannato a due anni di carcere deve anche pagare 1500 euro per quel riguarda le spese legali, senza dimenticare i danni da liquidare alla parte civile. Come ha spiegato la difesa della parte civile, si tratta di un precedente di grande importanza a cui ispirarsi nell’esaminare situazioni dello stesso tipo.

4.91/5 (11)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here