Federcaccia Ascoli-Fermo replica alla LAC sul calo dei cacciatori e selvaggina

L'associazione venatoria ha smascherato tutte le falsità pubblicate dalla Lega per l'Abolizione della Caccia in un recente articolo.

0
Caccia al cinghiale

Federcaccia AscoliStefano Artico, numero uno della Federcaccia di Ascoli Piceno e Fermo ha deciso di replicare a un articolo pubblicato dalla Lega per l’Abolizione della Caccia (LAC) in merito ai primi giorni di caccia. Secondo il presidente dell’associazione, la LAC non è riuscita a bloccare il calendario venatorio 2017-2018 e avrebbe quindi scelto di rendere pubbliche alcune falsità sulla caccia, parlando di selvaggina decimata e pochi cacciatori.

I dati della Lega sono stati definiti contraddittori e inesistenti. Parlare di pochi cacciatori e tanti animali abbattuti è un controsenso, visto che dovrebbero essere state utilizzate armi di distruzione di massa. Nell’articolo si parla anche di pochi spari, quindi la LAC non dovrebbe nemmeno preoccuparsi. Inoltre, il presunto calo dei cacciatori viene motivato con i pochi a disposizione per l’acquisto di selvaggina pronta-caccia, una operazione che la Federcaccia ascolana ha ricordato non più esistente da anni, come giustamente vietato dalla legge regionale.

Un’altra causa del calo di cui si parla nell’articolo è il minor numero di lepri, fagiani e starne. In realtà le lepri non sono in diminuzione, mentre il fagiano è presente con una densità diversificata a seconda dei territori. La starna è già vietata al prelievo su richiesta dei cacciatori. Artico ha chiarito le vere cause del calo, vale a dire la diminuzione dei territori collinari e montani in cui andare a caccia e gli oneri economici che i cacciatori devono sostenere.

Infine, l’associazione venatoria ha chiarito la situazione attuale dei cinghiali. La presenza massiccia non è dovuta alle immissioni continue di ungulati incrociati con quelli dell’Europa dell’Est, visto che ogni animale detenuto in cattività è registrato all’anagrafe della USL.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here