Uccise pitbull per difendere un setter, annullata la revoca della licenza di caccia

Il TAR Puglia ha accolto il ricorso di un cacciatore a cui era stata anche vietata la detenzione di armi e munizioni.

0
Licenza di caccia

Licenza di cacciaIl Tribunale Amministrativo Regionale della Puglia ha accolto il ricorso di un cacciatore residente in provincia di Foggia contro la Prefettura, il Ministero dell’Interno e la Questura. Tutto era nato in seguito a un decreto del Prefetto di Foggia e un altro del Questore, secondo cui doveva essere vietata la detenzione di armi e munizioni all’uomo, oltre alla revoca della licenza del porto di fucile.

I fatti risalgono al 2009, quando il cacciatore difese un setter inglese dall’aggressione di un pitbull, ucciso per garantire l’incolumità fisica dell’altro cane. I giudici del TAR hanno spiegato che non si può escludere l’uso dell’arma per difesa personale o, senza colpa, nell’esercizio dell’attività venatoria. Di conseguenza sono state accolte le censure di inadeguatezza della motivazione e la revoca del porto d’armi è stata annullata.

Divieto e revoca erano stati motivati con il maltrattamento e l’uccisione del pitbull, oltre che esplosioni pericolose. I giudici amministrativi hanno chiarito anche un altro punto: in effetti, sarebbe stato necessario dare un adeguato riscontro in merito all’impiego non corretto dell’arma (detenuta in maniera legittima) e coerentemente con un sistema di leggi che ne consente l’uso. Per il momento la licenza di caccia è salva.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here