Fiocchi Performance HP calibro 28/70: la classicità

Fiocchi Performance HP - Dopo l’esame della cartuccia che la Casa di Lecco ha realizzato per il calibro 28 Magnum proponiamo la versione con bossolo tradizionale da 70 mm che nell’apposita cameratura si presta in maniera egregia a molte necessità venatorie

0
La confezione delle cartucce Performance HP vede una solida scatola in cartoncino con scena venatoria in bianco e nero e scritte con sfondi differenziati, lucidi o opachi, per meglio evidenziare la notazione
La confezione delle cartucce Fiocchi Performance HP vede una solida scatola in cartoncino con scena venatoria in bianco e nero e scritte con sfondi differenziati, lucidi o opachi, per meglio evidenziare la notazione
La confezione delle cartucce Fiocchi Performance HP vede una solida scatola in cartoncino con scena venatoria in bianco e nero e scritte con sfondi differenziati, lucidi o opachi, per meglio evidenziare la notazione

Fiocchi Performance HP – Rovistando nelle vecchie cose della caccia il calibro 28/70 è per noi una costante a partire dagli inizi della passione a metà degli Anni 50 con una bella doppiettina belga a cani esterni così camerata con cui un fervido cultore del capanno ci aveva iniziati a questa caccia tanto affascinante. Avevamo all’epoca i due estremi rappresentati dal parallelo del nonno, un Sauer del 12, e un monocanna Beretta in 9 Flobért quindi il 28 si inseriva in un giusto mezzo e a noi, digiuni di balistica, mostrava quanto fosse adeguato in quei tiri a medio breve distanza sui rami di buttata.

Con l’avanzare dell’età, il primo Maestro lasciò la cattedra al mitico Costantino, bresciano trapiantato nel torinese, con un’arte sopraffina anche nell’allevamento dei richiami, allora permessi. Le frequentazioni al capanno divennero un impegno fisso e acquistammo un monocanna di tale calibro presto sostituito da un sovrapposto, le due canne erano una soluzione di ben diversa caratura, e quel 28 è rimasto in rastrelliera come in un armadio rimane quella vecchia borsa in cui abbiamo rovistato e da cui saltano ancora fuori il falcetto Marietti, gli appendini in cordoncino ritorto o in plastica, la passerera, incredibile attrezzo formato da tanti spezzoni di camera d’aria da bicicletta chiusi al fondo da un blocco a vite e in testa da tanti fischietti di ottone: l’arte stava nel muovere il polso, in modo da non stancare l’avambraccio, e far emettere un concerto di pigolii a cui molti uccelletti, passeri innanzitutto, credevano con fiducia e curiosità; ci sono ancora alcune cartucce caricate da un armiere di Provaglio di Iseo con pallini dell’11 e del 12 che qui non erano adottati da alcuno.

Fiocchi Performance HP - La lucida grafia del nome aziendale e del logo GFL sono sovrastate dalle caratteristiche tecniche delle cartucce contenute: calibro 28, bossolo da 70 mm, fondello da 16 mm, 24 g la carica di pallini, PLC* la borra contenitore ammortizzante
La lucida grafia del nome aziendale e del logo GFL sono sovrastate dalle caratteristiche tecniche delle cartucce contenute: calibro 28, bossolo da 70 mm, fondello da 16 mm, 24 g la carica di pallini, PLC* la borra contenitore ammortizzante

Il perché di tutto questo preambolo sta nella produzione attuale di cartucce per questo calibro il cui impiego si è felicemente esteso dall’originaria insidia a fermo agli uccelletti alla più classica delle caccie vaganti: quella con il cane. Ci pare che si debba esser grati all’inventiva statunitense se anche da noi l’uso dei piccoli calibri, in particolare il 28 e il .410 Mag., si è diffuso toccando ogni genere di caccia: va da sé che solo certuni possano affermare di ottenere successi anche sulle oche a cui mirano alla testa con pallini non grossi così da infittire la rosata (bravi, anzi bravissimi) con esiti che non esitiamo a definire mirabolanti, mentre i più si accontentano di esiti favorevoli, e ripetuti in percentuali elevate, sulla stanziale.

Fiocchi Performance HP - Il fondello da 16 mm in ottone e il tubo rosso in sintetico microstriato fanno da base alle diverse diciture sempre ben leggibili: anche il colore è funzionale specie
Il fondello da 16 mm in ottone e il tubo rosso in sintetico microstriato fanno da base alle diverse diciture sempre ben leggibili: anche il colore è funzionale specie

La Fiocchi Performance HP

Abbiamo avuto agio di provare questa recente cartuccia della Casa di Lecco sia in un sovrapposto Beretta Mod. 690 Field I che in un Benelli Ethos camerato per il 28 Magnum e in cui abbiamo alternato le Fiocchi 28/76 con queste: il salto di grammatura è marcato passando dai 33 g ai 24 g (- 27,3%), ma ha giocato favorevolmente la sezione dei pallini che passa dal 7 al 5 della numerazione inglese quindi da 2,5 a 2,9 mm. Nel semiauto, dotato oltretutto del calciolo ad assorbimento di energia, il rinculo era già inavvertibile con le Magnum per cui con queste è davvero un piacere sparare anche per un ragazzino. Nell’AFV di Arborio, ma ugualmente con il sovrapposto da 2.800 g si passeggia in scioltezza: merito dell’equilibrio della polvere che assicura una notevole accelerazione senza imporre picchi pressori fastidiosi, e della borra contenitore PLC* con pistone ammortizzante per mantenere integri i pallini nel percorso di canna, evitando strisciamenti sulle pareti o schiacciamenti dallo stato di quiete all’avvio.

Fiocchi Performance HP
La nostra vetusta attrezzatura da ventottista per il capanno: il sovrapposto ci era stato allestito dagli amici Oderda di Ceva (CN) nel 1970 (costo 65.000 lire). Con il padre Bartolomeo collaboravano, in misura ridotta per l’età, il figlio minore Ivo e, a pieno titolo anche come incisore, quello maggiore Carlo che di lì a non molto si trasferirà in Fiocchi dove ricoprirà fino alla pensione il ruolo di responsabile del caricamento per canne lisce. La scatola quadra in cartone bigio era quella usata dalla Fiocchi per fornire i bossoli innescati agli armieri: a noi era arrivata da Provaglio d’Iseo piena di cariche con i pallini dell’11 e del 12 che si notano in esterno (paragonate a una Fiocchi HP calibro 12/70) e negli scomparti della borsa che merita un cenno a sé. Dismessa per questioni di moda da nostra Madre, era stata requisita a costo zero, fattore all’epoca non trascurabile. Negli scomparti interni si notano appunto le due serie di cartucce e da quello con cerniera saltano fuori il falcetto della Marietti e una matassina di corda utili per sistemare la mimetizzazione del capanno, poi gli appendini, uno classico in cordonetto e uno moderno per allora, in plastica verde

Gli esiti sono stati più che favorevoli, anche a congrue distanze fra i 25 e i 30 m dove i pallini del 5, puntualmente presenti nella sagoma del selvatico, consentono abbattimenti istantanei come verificato su grossi fagiani, pernici chuckar e anche una minilepre che ci aveva rubato la prima canna, ma a cui son stati fatali i 24 g del 5 indirizzati con la seconda. Un’ottima scelta, per concludere, queste HP Performance che lavorano a perfezione con la grammatura più classica di questo calibro che ci appare sempre più appassionante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here