Fondazione UNA su uccisione aquila reale in Alto Adige: urgente fermare la piaga del bracconaggio

Fondazione UNA auspica che questa follia non rimanga impunita, e rinnova il suo contributo alla definizione di un sistema di caccia sostenibile e rispettoso della biodiversità.

1
UNA

BiodiversitàFondazione UNA Onlus, unitamente ai suoi soci, esprime il suo forte rammarico per il recente episodio dell’uccisione in Alto Adige di un’Aquila Reale e della sua cova. L’episodio rappresenta, infatti, un danno inestimabile all’ecosistema ed è contro ogni tipo di attività legate alla caccia intesa come parte integrante della cultura del territorio ed elemento fondante del mantenimento della biodiversità.

Il cacciatore, Paladino del Territorio e sentinella dell’ambiente, è il primo nemico del bracconiere, e condanna ogni azione volta a minacciare la corretta preservazione degli equilibri della natura. Il bracconaggio, di conseguenza, è quanto di più lontano dall’attività venatoria responsabile e sostenibile che Fondazione UNA è impegnata a diffondere sul territorio.

Fondazione UNA auspica che questa follia non rimanga impunita, isolando i responsabili di questi episodi e rinnovando il suo contributo alla promozione di una cultura della caccia sostenibile e rispettosa della natura.

Chi è Fondazione UNA

Fondazione UNA è frutto di un serio confronto tra associazioni, istituzioni e persone che condividono obiettivi comuni e collaborano su progetti concreti. Il mondo ambientalista, agricolo e venatorio, insieme a quello scientifico e accademico, pur senza rinunciare alle proprie specifiche identità, con Fondazione UNA mettono in sinergia idee e progetti in cui i valori tradizionali delle comunità, il presidio del territorio e le attività ecologiche diventano un nuovo modo di agire dell’uomo, finalmente in equilibrio con l’evoluzione della natura, dando vita a un importante cambiamento culturale.

Soci Fondatori ed effettivi: CNCN – Comitato Nazionale Caccia e Natura, Federazione Italiana della Caccia, Arci Caccia, Enalcaccia, Università degli studi di Urbino “Carlo Bo”.  Fanno parte del Comitato Scientifico i rappresentanti di Symbola, Osservatorio di Coldiretti sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare, Federparchi Europarc Italia, Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Università degli studi di Milano – Dipartimento di Scienze veterinarie e Sanità pubblica, Università degli Studi di Napoli Federico II – Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali.

5/5 (2)

Valuta questo articolo!

1 COMMENTO

  1. Se qualcuno della fondazione UNA,guardava su Rai 3 il programma GEO&GEO di Giovedi 11 Giugno,forse capiva qualcosa in più in merito al perchè dell’abbattimento di un’aquila in Alto Adige(Valle Aurina)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here