Fucile custodito in un ripostiglio, la Cassazione assolve il proprietario

I giudici di Piazza Cavour hanno riconosciuto che il munizionamento era stato riposto in una cassaforte.

0
Cassazione

Fucile custodito in un ripostiglioLa Corte di Cassazione si è occupata del caso di un uomo condannato a pagare mille euro di ammenda per aver custodito una pistola e un fucile di sua proprietà in un ripostiglio di casa accessibile a tutti. Come approfondito dallo Studio Legale Cataldi, i giudici di Piazza Cavour hanno annullato questa sentenza perchè il fatto non sussiste. Il Tribunale aveva accertato la detenzione di una pistola calibro 9×21 e di un fucile calibro 22, armi entrambe custodite in due apposite stoffe. Inoltre, si trovavano in uno scaffale ad altezza uomo.

Il fatto che l’uomo convivesse con i figli minorenni e che il ripostiglio era aperto ha determinato la condanna. La Cassazione ha invece rilevato che le testimonianze degli operatori di Polizia erano incerte e che comunque avevano spiegato che la pistola era custodita in una teca con tanto di combinazione.

Per quel che riguarda il fucile, invece, non è stato individuato un pericolo reale. In pratica, la Cassazione ha riconosciuto che l’arma non era in una teca come la pistola, ma che comunque il munizionamento era stato riposto in cassaforte, il che ha fatto pensare alla volontà di evitare rischi per i figli piccoli.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here