Guardie armate a presidio dello stabilimento della Fiocchi Munizioni

In base alle poche parole concesse dal presidente Stefano Fiocchi, ci sarebbe stata una segnalazione relativa a possibili minacce nel Comasco.

0
Fiocchi Munizioni

Fiocchi MunizioniNel corso della serata di ieri, giovedì 25 maggio 2017, alcune guardie armate sono giunte di fronte all’ingresso dello stabilimento della Fiocchi Munizioni a Lecco, destando anche una certa preoccupazione. La task force si è presentata con mitra e giubbotti antiproiettile, con il presidente dell’azienda lombarda, Stefano Fiocchi, che ha deciso di partecipare con uno degli stessi giubbotti. Il presidio, piuttosto massiccio in termini numerici, è durato qualche ora, anche se le motivazioni non sono ben chiare.

In base a quanto è trapelato finora, ci sarebbe stata una segnalazione molto seria in relazione a delle minacce nella zona del Comasco. Come ha specificato il presidente, l’informazione era molto precisa, ma non indirizzata nello specifico alla Fiocchi. Comunque, si è deciso di innalzare il livello di guardia. Il numero uno del gruppo lecchese non ha rilasciato altre dichiarazioni a proposito della serata e delle guardie armate.

L’ipotesi che circola maggiormente è quella di una segnalazione giunta dall’alto, quindi dal Ministero dell’Interno: Fiocchi Munizioni avrebbe quindi tenuto conto della situazione, richiedendo una attenzione maggiore nei confronti dello stabilimento.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here