I cacciatori di Frascati rivendicano i loro diritti su ausiliari e zone protette

0
Canai caccia al cinghiale
I canai si apprestano alla sciolta dei loro ausiliari

Cacciatori di FrascatiDue giorni fa, domenica 28 maggio 2017, Colle Pizzuto ha ospitato la festa organizzata dal Circolo Cacciatori Frascatani, una occasione importante che ha riunito più di cento persone provenienti dai Castelli Romani. La giornata conviviale ha permesso di approfondire i problemi principali che attanagliano il mondo venatorio locale. In particolare, si è parlato degli aspetti più controversi della Legge Nazionale sulla Caccia: le norme sono definite discriminatorie per chiunque voglia far correre i propri ausiliari.

Questi cani hanno la possibilità di uscire senza guinzaglio solamente nel periodo venatorio e quindici giorni prima dell’apertura della caccia. Ecco perché è stata richiesta l’istituzione di zone senza sparo e senza immissione di selvaggina in cui far correre liberamente il cane. Non sono mancate le critiche alle zone in cui vige il divieto di caccia. Secondo la legge italiana, infatti, le superfici in cui devono essere presenti parchi e oasi di protezione non devono andare oltre il 30% del territorio, mentre nel Lazio si sta sfiorando il 50%.

I cacciatori frascatani hanno accusato proprio queste zone protette, ormai “voragini per il denaro pubblico”, oltre che responsabili dello squilibrio ambientale. Infine, si è discusso dell’accanimento crescente da parte di alcuni ambienti contro la caccia, quando invece i veri difensori della natura sono proprio i cacciatori che si trasformano in sentinelle del bosco e della natura.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here