Il Parco dei Colli Euganei si affida a selecontrollori e operai forestali contro i cinghiali

Gli operai saranno 11, tutti assunti con contratto a tempo determinato: i selecontrollori sono diventati 70 dopo gli ultimi corsi di formazione.

0
Caccia al cinghiale

Selecontrollori e operai forestaliLa Giunta Regionale del Veneto ha deciso di approvare una delibera con cui si autorizza il Parco dei Colli Euganei ad assumere a tempo determinato 11 operai forestali. Si tratta della proposta di Cristiano Corazzari, assessore ai Parchi e alle Aree Protette, il quale ha spiegato di aver risposto a una delle esigenze dell’ente parco. Gli operai verranno assunti con contratti agricolo-forestali e idraulico-agrari e si occuperanno dei lavori di manutenzione naturalistica, oltre che della gestione dei gravi problemi causati dai cinghiali nel territorio di cui si sta parlando.

Come sottolineato dall’assessore, gli ungulati stanno proliferando in modo preoccupante e questo mette a serio rischio le coltivazioni agricole dell’area, un pericolo concreto anche per i residenti. La squadra faunistica verrà dunque potenziata e il piano di contenimento dei selvatici dovrebbe essere attuato con maggiori frutti. Lo scorso anno ne sono stati abbattuti 1160, mentre nel 2017 dovrà essere superata quota 2mila.

Tra l’altro, si è concluso di recente il nuovo corso di formazione per i selecontrollori. Nel Parco dei Colli Euganei potranno quindi operare altre 25 unità: il totale raggiunto è di 70 selecontrollori, impiegati nell’attività di eradicazione, la quale dovrà essere semplificata per un utilizzo costante e continuo dei soggetti nell’intero anno solare.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here