Il TAR Sardegna accoglie il ricorso ecologista, stop alla caccia di lepri e pernici

Secondo i giudici, le due giornate della stagione appena terminata (24 settembre e 1° ottobre) non dovevano essere autorizzate.

0
Federcaccia Sassari

Caccia di lepri e perniciUna lunga attesa e un giudizio che non piacerà ai cacciatori isolani: il Tribunale Amministrativo Regionale della Sardegna ha accolto il ricorso del Gruppo di Intervento Giuridico contro il calendario venatorio 2017-2018 e il prelievo di lepri e pernici sarde. Si tratta delle due giornate di caccia previste per queste due specie, con 72mila lepri e 948 pernici da abbattere in base a quanto previsto dalla Regione.

Il ricorso si era basato sul fatto che i numeri dei prelievi non avevano tenuto conto della consistenza delle popolazioni e della diminuzione degli animali. Come spiegato dai giudici, non ci sarebbero stati adeguati monitoraggi faunistici che potessero includere lepri e pernici nei carnieri, nonostante le due giornate (24 settembre e 1° ottobre) fossero già una restrizione piuttosto chiara per i cacciatori sardi.

La sentenza è arrivata comunque in ritardo, visto che il TAR ha sottolineato come si dovesse preferire la sospensione della caccia. La Regione Sardegna, Caccia Pesca Ambiente e Unione Cacciatori di Sardegna sono state condannate al pagamento delle spese legali (nello specifico 3mila euro) in favore della onlus ecologista. La stesura del calendario regionale 2018-2019 sarà quindi un momento molto “caldo” e si preannunciano polemiche e difficoltà proprio per queste due specie.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here