In Puglia si torna a parlare della caccia in deroga allo storno

In una nota il vicepresidente del Consiglio Regionale, Giandiego Gatta, ha espresso grande preoccupazione.

0
Fano

Caccia in deroga allo stornoGiandiego Gatta, vicepresidente del Consiglio Regionale della Puglia, ha pubblicato una nota per parlare dell’emergenza rappresentata dagli storni per questo territorio. Secondo l’esponente di Forza Italia, infatti, il settore agricolo deve fare i conti con una serie di difficoltà e ostacoli. Oltre ai ritardi accumulati dal Piano di Sviluppo Rurale e alle conseguenze negative delle recenti gelate, non può essere messo in secondo piano il volatile.

Per Gatta si tratta di un problema irrisolto: gli storni sono responsabili della devastazione e del danneggiamento delle colture agricole, di conseguenza servono quanto prima azioni concrete. La Puglia dovrebbe dunque seguire l’esempio di altre regioni che hanno dato il via libera alla caccia in deroga alla specie: lo stesso tipo di prelievo ha riguardato i colombi e le tortore col collare (altri volatili dannosi) in altre parti d’Italia e il vicepresidente è convinto che in questo modo si possa dare un segno di vicinanza molto forte agli agricoltori.

La deroga non sembra imminente per quel che riguarda i cacciatori pugliesi, ma intanto è necessario ascoltare bene il nuovo grido di dolore del settore primario. Per tutti questi motivi Gatta ha chiesto alla Giunta Regionale e al governatore Emiliano di risolvere con urgenza il problema.

4.36/5 (11)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here