ISPRA: “Cinghiali raddoppiati in 10 anni, la colpa è anche della regolamentazione della caccia”

La popolazione di cinghiali sul suolo italiano è raddoppiata da 500mila esemplari a oltre 1 milione in appena dieci anni.

0
ISPRA

ISPRALa popolazione di cinghiali sul suolo italiano è raddoppiata da 500mila esemplari a oltre 1 milione in appena dieci anni. I dati Ispra sull’incremento della popolazione di cinghiali in Italia sono allarmanti. Preoccupazione tra gli agricoltori, che sempre più spesso vedono le loro coltivazioni devastate da branchi di ungulati. Il responsabile del servizio coordinamento Fauna Ispra Piero Genovesi analizza le cause del fenomeno.

“La crescita dei boschi, l’abbandono delle campagne, la maggior regolamentazione della caccia e la creazione di aree protette hanno creato più ambienti idonei alla fauna e al cinghiale in particolare. Ma ci sono anche altri fattori, come le immissioni di cinghiali a scopo venatorio, ora vietate, e le ibridazioni col maiale domestico, che sono ancora più prolifici del cinghiale selvatico”.

Franco Ferrari, responsabile agricoltura e biodiversità Wwf, sostiene che “per ridurre la popolazione dei cinghiali il rimedio non è la caccia: si è aumentato il numero delle giornate di caccia e il numero di animali prelevabili, ma gli animali sono continuati ad aumentare. I cacciatori non possono risolvere il problema, perché sono coloro che l’hanno creato. Bisogna invece coinvolgere gli agricoltori, attraverso le tecniche delle catture attraverso i corral, recinti che consentono di catturare interi branchi di cinghiali” (La Fune).

2.02/5 (56)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here