La Conferenza Stato-Regioni approva il Piano Nazionale Anti-Bracconaggio

La Federcaccia ha mosso alcune contestazioni al testo, in particolare la poca attenzione mostrata nei confronti degli aspetti tecnici del fenomeno.

0

Piano Nazionale Anti-BracconaggioNel corso della riunione dello scorso 30 marzo la Conferenza Stato-Regioni è stato approvato il Piano Nazionale per il Contrasto degli Illeciti contro gli Uccelli Selvatici. Si tratta di un documento molto importante che è stato proposto dal Ministero dell’Ambiente: l’arco temporale preso in esame va da oggi ai prossimi due anni e prevede iniziative di legge per rafforzare i compiti degli organi di vigilanza e controllo. L’esame del piano è stato curato dal Comitato Paritetico per la Biodiversità.

Tra l’altro, la bozza era conosciuta da tempo dalle associazioni venatorie e da quelle ambientaliste (per la precisione dalla scorsa estate), con la Federazione Italiana della Caccia che si è mostrata subito aperta a un confronto costruttivo. La bozza, come evidenziato dall’associazione, era piena di pregiudizi sulla caccia e poco attenta agli aspetti tecnici che riguardano il bracconaggio.

Ecco perchè è stato sottolineato che l’argomento da discutere era l’uccisione illecita di uccelli selvatici, mentre la caccia non può certo essere accostata a qualcosa di illecito. Altro dispiacere è stato causato dal fatto che non ci fosse distinzione tra il contrasto del fenomeno e le responsabilità dei cittadini, i quali sono spesso estranei all’ambiente venatorio. Un’altra contestazione mossa a chi ha promosso il piano dalla Federcaccia riguarda la richiesta di ripristinare il reato di “furto venatorio”.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here