La Provincia Sondrio autorizza la caccia ai cervi nella Colmen

Il numero degli ungulati nell'area (500 ettari) è diventato eccessivo e sta provocando problemi alla sicurezza e alla salute.

0

Caccia ai cerviC’è una novità importante per quel che riguarda il piano faunistico della Provincia di Sondrio. I cervi presenti sulla Colmen di Dazio (nome con cui è meglio noto il Culmine) sono infatti troppi e si è deciso di aprire l’attività venatoria monitorata. Come spiegato dal portale Laprovinciadisondrio.it, è la stessa provincia lombarda a spingere per la caccia, visto che la concentrazione di ungulati in un’area così piccola è eccessiva.

Ecco perché bisogna trovare una soluzione a tutti i costi e in tempi rapidi, modificando appunto il piano. Secondo il vicepresidente Christian Borromini, non si può attendere ancora e i rischi legati alla sicurezza e alla salute non devono essere sottovalutati. I cervi stanno invadendo le strade della zona e provocando danni non indifferenti alle colture agricole, quindi la preoccupazione è cresciuta a dismisura.

La Colmen, una tipica zona di ripopolamenti e cattura in cui vige il divieto di caccia, diventerà un’area in cui è consentito il prelievo venatorio dei soli cervi, con regole e monitoraggi molto severi. Bisogna definire i giorni precisi, gli orari e il numero di cacciatori che saranno chiamati a intervenire: l’area ha una dimensione complessiva di 500 ettari e non mancherà mai la Polizia Provinciale.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here