La Regione Piemonte ripristina il divieto di caccia a 12 anatidi e ai merli

Secondo l'assessore all'Agricoltura Giorgio Ferrero, queste specie non facevano parte della tradizione venatoria locale.

0
TAR

Divieto di caccia a 12 anatidiIl timore si è trasformato in realtà: nel corso della giornata di ieri, martedì 20 dicembre 2016, il Consiglio Regionale del Piemonte ha approvato il disegno di legge che ripristina di fatto il divieto di caccia a dodici anatidi e al merlo. Quest’ultimo è stato aggiunto tramite un emendamento presentato in aula. La situazione è tornata identica a quella che ha preceduto la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale. I giudici, infatti, avevano inserito le dodici specie di volatili acquatici simili alle anatre nel calendario venatorio 2016-2017 in quanto non esisteva alcuna legge regionale in materia.

Il divieto, oltre al merlo, si riferisce all’abbattimento o alla cattura di fischioni, canapiglie, mestoloni, codoni, marzaiole, folaghe, porciglioni, frullini, pavoncelle, morette, moriglioni e combattenti. Secondo Giorgio Ferrero, assessore regionale all’Agricoltura, queste specie potevano essere cacciate con la vecchia legge che è stata abrogata dalla precedente amministrazione.

Inoltre, i volatili non facevano parte della tradizione venatoria del Piemonte, di conseguenza si è voluto ripristinare una situazione storica. Contro l’approvazione si era scagliato soprattutto dal consigliere regionale Gian Luca Vignale, il quale era pronto ad evitare in ogni maniera possibile l’ennesimo divieto che è stato comunque imposto ai cacciatori piemontesi.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here