LAV: “La caccia è un’attività ludica e verrà esclusa da quelle consentite”

La LAV (Lega Anti Vivisezione) ha commentato la situazione che si sta per profilare il prossimo 4 maggio.

0
LAV

LAVLa LAV (Lega Anti Vivisezione) ha commentato la situazione che si sta per profilare il prossimo 4 maggio, quando le restrizioni per il coronavirus verranno in parte allentate: “Tra le numerose indicazioni che prevedono l’allentamento dei limiti imposti allo spostamento dei cittadini, vi è anche la ripresa di alcune attività economiche secondo i codici ATECO riportati nell’allegato 3 al DPCM, il primo dei quali riguarda “Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi”.

Come noto, le misure restrittive imposte con i precedenti DPCM, impediscono l’attività di caccia in quanto considerata non rientrante tra quelle che rivestono carattere di “necessità o urgenza” motivo per cui non giustifica l’uscita dei cacciatori da casa. Le disposizioni introdotte con il DPCM in vigore dal 4 maggio, non mutano tale condizione, in quanto i codici ATECO si riferiscono esclusivamente alle attività economiche.

Essendo la caccia un’attività ludica, è quindi implicita la sua esclusione dalle attività consentite. L’ufficio legale LAV ha svolto un’accurata analisi delle nuove disposizioni contenute nel DPCM 26 aprile riguardanti l’attività venatoria”.

2/5 (8)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here