L’importanza dei beccaccini col microchip per l’inanellamento

Il progetto sta dando grandi risultati in Francia e non è escluso che possa essere sviluppato anche nel nostro paese.

0
Monitoratori

Beccaccini col microchipCome spiegato dall’associazione ANUUMigratoristi, nel corso del 2017 in Francia il sistema misto GPS-ARGOS è stato messo in essere per seguire la vita in volo di 12 beccaccini ad opera del Club Internazionale dei Cacciatori di Beccaccini (CICB), della Federazione Nazionale dei Cacciatori (FNC) e dell’ONCFS (Office national de la chasse et de la faune sauvage). La “balise”, il termine che viene usato per indicare il microchip, misura 25×14 mm e pesa 4 grammi con tutto il suo equipaggiamento.

Le antenne misurano invece 5 centimetri per quel che riguarda il GPS e 18 centimetri per l’ARGOS. Il primo obiettivo dell’importante iniziativa è quello di localizzare il loro luogo di riproduzione e il secondo è quello di studiare la migrazione della specie. Per l’associazione dei migratoristi questo interessante studio si coniuga in modo interdisciplinare con l’inanellamento dei due beccaccini, il beccaccino (Gallinago gallinago) e il frullino (Lymnocriptes minimus), che deve essere sempre più intensificato e, ovviamente, meno costoso.

I nuovi mezzi di studio sono tali che ormai consentono di raggiungere dei preziosi risultati che ai tempi dei primi inanellamenti neppure ci si sarebbe sognati di ottenere. L’attività è destinata a cambiare anche grazie a questi nuovi mezzi, l’Italia potrebbe seguire dunque lo stesso esempio nei mesi che seguiranno.

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here