L’URCA spiega i motivi del suo ricorso contro la caccia al capriolo in Toscana

Il presidente nazionale Antonio Drovandi ha pubblicato una nota per spiegare cosa è successo in relazione al prelievo degli ungulati.

0
Caccia al capriolo in Toscana

Caccia al capriolo in ToscanaIl presidente nazionale dell’URCA, Antonio Drovandi, ha pubblicato una nota per spiegare il motivo del ricorso contro il prelievo del capriolo in Toscana. Ecco le parole del numero uno dell’Unione: “Occorre rilevare, in primis, che la delibera relativa al calendario di prelievo della specie capriolo in Toscana è solo la più eclatante delle anomalie emanate. Dato, questo, confermato anche dal parere contrario espresso in merito dall’ISPRA, ovvero dal più autorevole organo di gestione e consultazione dell’ambiente e della fauna nazionale, nonché istituto di emanazione ufficiale del Ministero dell’Ambiente.

Molteplici sono le motivazione tecniche e scientifiche che fondano il parere negativo di ISPRA. Ci limitiamo ad evidenziarne solo alcune fondamentali: il decremento della specie Capriolo rispetto al 2017; la criticità nel sistema di campionamento per superficie; la necessità di rivedere criticamente la cartografia tra aree vocate e non vocate; non conformità delle tempistiche dei prelievi sia per le femmine e piccoli in estate, sia per i maschi con riferimento al periodo invernale. Ci preme ricordare che fino ad oggi, sensibili alle esigenze del mondo agricolo, URCA, con grande senso di responsabilità, non ha mai ritenuto di intervenire laddove si siano predisposti interventi specifici in aree circoscritte con elevata concentrazione di danni.

Tuttavia, URCA non può condividere un generico ed indiscriminato intervento di prelievo su tutto il territorio regionale che non tiene conto delle differenti realtà territoriali, autorizzando, di fatto, un prelievo indiscriminato che rischia di pregiudicare fortemente la sopravvivenza stessa della specie capriolo in intere zone della regione dove questa è in sofferenza. Si sottolinea, infatti, che, gli attuali provvedimenti regionali si inseriscono in una situazione non chiarita in modo organico, a causa della perdurante carenza del tanto atteso piano faunistico venatorio regionale, non ancora emanato a distanza di due anni dalla Legge Regionale 10/2016, venendo così a mancare l’esatta individuazione delle aree ad alta criticità ed i conseguenziali specifici provvedimenti da applicare.

URCA è una associazione di tutela ambientale riconosciuta, composta in grandissima parte da cacciatori, con alle spalle un percorso formativo di alto livello, proteso alla gestione e conservazione di tutte le specie purché questo avvenga nel rispetto dei più rigidi parametri ecologici e scientifici. In queste ore, all’interno della discussione che si sta sviluppando sul territorio, in relazione al provvedimento adottato dal TAR della Toscana, continuiamo a ricevere manifestazioni di stima e di plauso all’iniziativa intrapresa a livello regionale e nazionale. Ciò ci conforta ed allo stesso tempo è chiara dimostrazione che URCA tutela gli interessi dell’intera collettività, tenendo ben presente lo stato giuridico della fauna selvatica, che ricordiamo è patrimonio indisponibile dello stato, quindi di tutti i cittadini e non solo degli specifici portatori di interessi”.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here