Merkel K1 in .30R Blaser

Merkel K1 - Il kipplauf su meccanica Jäger è appannaggio di alcune firme tedesche e la storica Merkel ha inserito nella sua vasta produzione anche questa tipologia oggi assai ricercata per alcune sue prerogative

0
Merkel K1 in .30R Blaser
Il fucile monocolpo Merkel K1 in .30R Blaser

La particolare chiusura per fucili basculanti inventata da Franz Jäger di Suhl agli inizi del ‘900 non ha avuto subito un bel successo, ma lo ha colto negli ultimi anni del XX secolo mantenendolo tuttora con ampia fortuna. Gli astrologi direbbero che si sia presentata una favorevolissima congiunzione astrale, da parte nostra ci fermiamo a considerare come i nuovi desideri di molti cacciatori, soprattutto di montagna, siano indirizzati a fucili sempre più leggeri, dotati di una precisione notevole esaltata da ottiche adeguate. In parallelo le Case produttrici sono riuscite a ottimizzare l’impianto offrendo esattamente quel che la clientela stava cercando.

A completare il trigono astrale anche la quotazione: il costo di un kipplauf tradizionale sarebbe oggi troppo elevato per una massiccia diffusione mentre quello sulla base attuale vede una spesa contenuta, se ci si focalizza sui modelli con abbellimenti limitati. La solidità della struttura non cambia e questo è il punto importante. Oltre alla leggerezza troviamo ancora un fattore di gran comodità: la scomposizione in due parti (calcio/bascula e gruppo canna/astina) di limitate dimensioni consente lo stivaggio nello zaino per i percorsi di avvicinamento.

Merkel K1 in .30R Blaser
Vista superiore con la testa di bascula con l’inserimento della chiave e la codetta entro cui scorre il tasto di armamento della batteria

L’impostazione meccanica

La genialità del progetto sta nel poter produrre le varie parti su macchine CNC o comunque senza interventi manuali: questo garantisce componenti uguali e sostituibili senza aggiustaggi insieme a una limitazione dei costi, una volta ammortizzata l’impostazione operativa. Tale fattore ha permesso giusti e lauti guadagni o, a scelta del costruttore, un ingresso sul mercato a quotazioni invitanti. Si ricava la bascula da un prisma di Ergal con funzione di contenitore delle parti mobili fra cui il particolare in evidenza è il tassello a L pivotante in acciaio temperato e cromato, dotato di un incavo posteriore: la spinta di una robusta molla a lamina posta sul fondo lo mantiene contro a un perno incassato ortogonalmente tra i fianchi della bascula. Nel dorso del blocchetto sono ricavati una mortisa e un minuscolo risalto: un tassello mosso dalla chiave lavora su entrambi fungendo da chiusura dell’arma e da fermo del blocchetto stesso. Il braccio verticale della L, che occlude la camera di cartuccia, contiene il percussore spinottato e presenta il profilo superiore a semicerchio. Nel braccio orizzontale appare un foro quadro che integra la tenuta sollevando dallo sforzo il perno di rotazione, ricavato in acciaio e poi cementato con fissaggio tramite due viti contrapposte.

Merkel K1 in .30R Blaser
L’ampia guardia consente di sparare con i guanti e il grilletto arretrato favorisce la postura del dito per chi ha la mano corta. Sul rebbio posteriore sporge il nottolino a tre posizioni che predetermina il peso di scatto

Il monoblocco e la canna

Il lungo monoblocco lavorato di fresa da un massello in acciaio funge da supporto alla canna, inserita a caldo, e offre le basi specifiche per l’attacco dell’ottica; inoltre integra i particolari osservati nel pezzo a L appena descritto. Superiormente la sporgenza posteriore presenta una tasca in cui si inserisce l’arrotondamento del blocchetto pivotante, inferiormente sporgono due tenoni di cui il primo si aggancia al perno assicurando la rotazione della canna mentre il secondo, tozzo e a sezione quadra, si posiziona nel foro di analoga sezione ricavato nel braccio orizzontale del blocchetto contrastando la spinta in avanti sotto sparo.

Merkel K1 in .30R Blaser
Vivo di culatta della canna e la chiusura superiore con la parte arrotondata del blocchetto a L e la tasca in cui si posiziona, ricavata dall’estensione del monoblocco. Robusto e funzionale l’estrattore manuale

Il punto più critico è senz’altro quello superiore dove la pressione di cartucce esuberanti potrebbe creare gioco: tale evenienza si evidenzierebbe dall’inopinato abbassamento del punto battuto. Pare sia stato questo il fattore che alle origini del ritrovato lo abbia messo in ombra: la precisione delle lavorazioni e soprattutto gli acciai e i trattamenti termochimici attuali hanno consentito il successo degli ultimi anni. Osserviamo ancora sul fianco sinistro del monoblocco la sede dove scorre il gambo dell’estrattore, mosso in apertura dal contrasto con un piolo inserito dietro al giro di cerniera: il robusto blocchetto di presa lavora a perfezione grazie alla scelta di una cartuccia a collarino.

Merkel K1 in .30R Blaser
Sull’esterno del lungo monoblocco spiccano le scritte aziendali: non si vede quella principale con la dicitura Gebrüder Merkel coperta dalla base dell’ottica. Sul fianco risalta la specifica del calibro .30R Blaser

Ancora da notare la chiave di apertura a perno integrale per cui è previsto un comodo sforzo decrescente: una pressione in più oltre il punto massimo consente di sfilare dalla propria sede il blocchetto interno. Dietro alla chiave, posta nella codetta superiore di bascula, si trova la slitta per l’armamento della batteria: nella posizione in avanti si è pronti a far fuoco mentre, volendo rinviare il tiro, con un’altra leggera pressione in avanti si sblocca il meccanismo ridistendendo la molla della massa battente; stesso effetto se si aziona la chiave di apertura.

Merkel K1 in .30R Blaser
Particolari del cannocchiale Nikon: comoda la presa sui coperchietti delle regolazioni. Nella torretta di sinistra si trova il correttore della parallasse, necessario con gli ingrandimenti fino a 16x

La canna con sezione tonda e conicità appena accennata è lunga 60 cm con sei rigature destrorse ricavate per rotomartellatura: la qualità del lavoro viene evidenziata dalle ottime prestazioni di tiro. Già abbiamo citato le basi per l’attacco a pivot del cannocchiale: la scelta è caduta su un Nikon Monarch 3 con valori 3-16×50, dotato del reticolo BDC per la compensazione della caduta della palla, specifico, come segnala la Casa, per il tiro di caccia a lunga distanza. Come in ogni fucile da caccia tedesco sono presenti le mire metalliche poste su zoccolini sopraelevati con la tacca a visuale quadra, regolabile in deriva sulla base a coda di rondine, a cui si somma il mirino prismatico fisso. A metà circa della canna è calzato l’anello con la maglietta portacinghia del tipo a perno riportato: impianto robusto e affidabile.

Merkel K1 in .30R Blaser
Nella bascula si nota il blocchetto a L con la parte superiore arrotondata e quella inferiore con un foro quadro. Davanti spicca una mortisa e poi il perno di rotazione. Il piccolo puntone verticale è il contrasto per azionare l’estrattore

La calciatura

Il modello in esame rappresenta il primo prezzo della Casa in questo specifico settore: non di meno il noce impiegato mostra innanzitutto una compattezza apprezzabile e poi una venatura correttamente disposta in senso longitudinale. La linea è classica con appoggia guancia di gradevole disegno, impugnatura a pistola ben arcuata e con la coccia inclinata, specchi di testa con un ricercato profilo di giunzione alla bascula. L’asse è piuttosto diritto così da favorire il mantenimento della visuale del bersaglio allo sparo. Il calciolo in spessa gomma morbida nera offre un buon appoggio a terra e attutisce di molto la sensazione di rinculo, piuttosto brillante considerando il calibro adottato e il peso ridotto dell’insieme. L’asta di sezione prismatica consente una presa adeguata alla mano debole in un eventuale tiro alla corsa e parimenti uno stabile appoggio per quello mirato. Comodo lo sgancio affidato a un grosso pulsante nero posto sul davanti nel moderato ingrossamento dell’immancabile schnabel.

Merkel K1 in .30R Blaser
Il calcio in stile mitteleuropeo evidenzia l’appoggia guancia rilevato, la pistola molto arcuata e la coccia a sbieco; parimenti adotta un asse piuttosto dritto, diremmo all’americana, che evita l’eccessivo rilevamento dell’arma sotto sparo facendo perdere di vista il bersaglio

Considerazioni finali

Il proprietario ha scelto di abbinare al kipplauf una cartuccia adeguata alla gran parte della selvaggina europea scegliendola giustamente fra quelle a collarino per la loro specifica funzionalità con l’estrattore di un basculante. La .30R Blaser è una commistione fra la misura prettamente anglosassone, anzi proprio statunitense, e il bossolo tutto tedesco. Ne parliamo a parte anticipando come dal capriolo al cervo non abbia mai dato problemi: con le cartucce RWS Evolution Power Bonded da 11,9 g (184 gr) non si rovina la spoglia del capriolo, si ha una buona radenza per i tiri lunghi al camoscio e poi muflone o cinghiale, daino o cervo non si è mai in carenza di energia e potere lesivo. Un abbinamento insolito quindi, ma di indubbia efficacia. 

Scheda tecnica

Costruttore: Suhler Jagd und Sportwaffen GmbH, Schützenstrasse 26, D – 98527 Suhl (Germania) – tel. +49.36818540  –  fax +493681854201 –  www.merkel-die-jagd.de

Importatore: Bignami spa, via Lahn 1, 39040 Ora (BZ) – tel. 0471/803000 – fax. 0471/810899 –www.bignami.itemail@bignami.it

Modello: K1

Tipo: fucile monocolpo a canna rigata

Funzionamento: basculaggio della canna

Percussione: armamento della batteria con tasto esterno

Estrattore: a unghia di ampio sviluppo mosso dall’apertura della canna

Estrazione: manuale

Canna: in acciaio al carbonio – lunghezza 60 cm – 6 righe destrorse – intercambiabile per gruppi di calibri

Scatto: diretto con grilletto singolo – regolabile su tre valori di peso (ca. 500/800/1050 g)

Sicura: automatica grazie al sistema di armamento manuale della batteria

Mire: tacca di mira a U regolabile in deriva – mirino prismatico fisso

Calciatura: in due parti in legno di noce con zigrinatura a passo medio, calciolo in gomma morbida – magliette fisse a perno riportato

Calibro: .30R Blaser

Materiali: Ergal per la bascula – acciaio per canna e impianto di chiusura – legno di noce per calciatura

Peso: 3.050 g circa

Finiture: bascula con leggere incisioni e superficie chiara opacizzata – brunitura per canna e accessori

5/5 (3)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here