Movimento 5 Stelle: “Senza piano faunistico la Toscana è fuorilegge, bisogna fermare la caccia”

Il consigliere regionale Galletti ha posto l'accento sul vuoto normativo che ci sarebbe dal 2016, ma l'assessore Remaschi ha chiarito i fatti.

0
Toscana

ToscanaIrene Galletti, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle della Toscana, non ha usato mezzi termini per definire la situazione venatoria in questa regione. Secondo Galletti, infatti, la Toscana deve essere considerata “fuorilegge” in materia di caccia a causa del piano faunistico scaduto da ormai due anni. Il consigliere ha ricordato come in assenza di questo piano non siano possibili anticipi o posticipi della stagione venatoria, mentre invece la Regione si è adoperata ugualmente.

L’unica strada suggerita per risolvere il problema è quella di proporre un nuovo piano e arrivare all’approvazione. Inoltre, Galletti ha chiesto di sospendere l’attività venatoria proprio per questa situazione paradossale, ragione per cui verrà presentata una mozione. L’intervento del consigliere è stato incentrato su un momento ben preciso, il mese di marzo del 2016: da quasi due anni, infatti, non ci sarebbe in Toscana una norma di goverbo sulla caccia, nonostante gli indennizzi agli agricoltori danneggiati e i prelievi di selvaggina.

L’assessore regionale all’Agricoltura, Marco Remaschi, ha però spiegato che la pianificazione esiste, mentre quella del vuoto normativo è una falsità. Remaschi ha ricordato la proroga dei piani provinciali citati da Galletti e il nuovo articolo che ha accompagnato quello abrogato nel 2016. Secondo l’assessore entro la fine del 2017 ci sarà il nuovo piano faunistico con una definizione nuova di zecca per quel che riguarda le aree vocate al cinghiale.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here