Piemonte, Arci Caccia scrive a Prefetto e Regione per sblocco attività venatoria

Non potendo uscire di casa, i cacciatori piemontesi non possono praticare l’attività venatoria.

0
Piemonte

PiemonteL’associazione venatoria Arci Caccia ha diffuso il seguente comunicato che riportiamo integralmente: “In Piemonte è scattata immediatamente la zona rossa già a partire dal 6 novembre. Non potendo uscire di casa, i cacciatori piemontesi non possono praticare l’attività venatoria. La caccia, però, rientra tra quelle attività da svolgersi all’aperto, in spazi che possono riuscire ad evitare qualunque rischio di assembramento.

La caccia agli ungulati, inoltre, svolge un’attività preventiva nella mitigazione dei danni all’agricoltura, quindi, un importante e pubblico servizio. Per tutti questi motivi, il Direttivo  Regionale  del Piemonte ha deciso di inoltrare alla Regione una importante missiva, attendendo un doveroso riscontro da parte di Regione Piemonte”.

4.5/5 (2)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here