Pippo Civati: “La caccia non è uno sport e si sta estinguendo”

L'ex deputato ha colto la palla al balzo della polemica su Flavio Insinna per approfondire il suo punto di vista.

1
Civati

CivatiGiuseppe Civati, politico che è stato deputato dal 2013 al 2018, ha affidato al suo blog una riflessione sull’attività venatoria. Ecco cosa ha scritto in merito: “Flavio Insinna ha straragione. La caccia non è uno sport. Peraltro lo ammettono – sommessamente – gli stessi cacciatori. Nonostante miri in molti casi senza curarsene troppo all’estizione delle specie animali, è la caccia che si sta estinguendo.

Nel 1980 i cacciatori erano 1,7 milioni (3% sul totale della popolazione). Nel 2017 – ultimo dato – 700.000 (1,2%). La popolazione è prevalentemente anziana. La quota maggioritaria si colloca tra i 65-78 anni. In compenso, al diminuire dei cacciatori, sono aumentare le licenze per il porto di fucile per caccia. La ragione, la campagna sconsiderata di Salvini e altri ultradestri per la corsa alle armi per difesa personale. Questo è il quadro. Il referendum del 1990 andò male per un errore tattico: si divise il fronte degli anticaccia da quello – concorde sul punto – dei coltivatori. Ciò che dice Insinna è semplicemente corretto, rigoroso e moderno.

È il caso che le sue parole siano riprese anche da chi negli studi televisivi ci va come ospite politico, legislatore, ministro. Anche perché molte questioni – delicate – sono aperte: oltre alla necessaria verifica su chi detiene armi da caccia ma non le usa per cacciare, la questione dell’autorizzazione della caccia nei fondi privati, la pericolosità di alcune situazioni e, se volete, anche un suo definitivo superamento. Ah, ovviamente la destra è contrarissima. Strano”.

1.72/5 (18)

Valuta questo articolo!

1 COMMENTO

  1. CHE A CIVATI;DETTO IN BRIANZOLO,CREDO GLI SIA RIMASTA LA “CAZZOUOLA” SULLO STOMACO??????????
    BEVA UNA BUONA GRAPPA VEDRA’ CHE LA DIGERISCE!!!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here