Richiami acustici, a Rovigo si rischia la chiusura di intere aree dedicate alla caccia

Non si possono identificare con certezza i cacciatori responsabili e si è quindi deciso di adottare misure "forti".

0
Polizia Provinciale

Richiami acusticiA Porto Tolle, in provincia di Rovigo, si è svolto un incontro per parlare dell’utilizzo del richiamo acustico e dei rischi che corrono tutti i cacciatori. Il dibattito è stato promosso dal sindaco del comune veneto, nonché consigliere provinciale con delega alla Caccia, Claudio Bellan. Erano presenti i funzionari della Provincia, gli agenti della Polizia Provinciale, le associazioni venatorie, le aziende faunistico-venatorie e i rappresentanti dell’Ambito Territoriale di Caccia Rovigo 3. I richiami acustici potrebbero comportare la chiusura di intere aree dedicate alla caccia per una giornata o anche più.

La conclusione dell’incontro è stata proprio questa: non si possono identificare con certezza i cacciatori che usano i richiami acustici elettromagnetici, diffusi nel Delta del Po ma vietati e penalmente perseguibili, dunque la Provincia di Rovigo è pronta ad adottare misure forti. Oltre alla denuncia contro ignoti, l’azione intrapresa potrebbe essere la chiusura delle zone venatorie.

Nel corso del dibattito è stato spiegato che il fenomeno non è più raro come un tempo, di conseguenza bisogna reagire. Cacciatori, aziende e associazioni venatorie hanno assicurato la loro collaborazione, tanto che il messaggio verrà diffuso in modo da far capire i rischi che corre anche la persona che non ha commesso nessun illecito. A fine gennaio si potrà capire se il fenomeno si sarà ridimensionato.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here