Richiesti in Toscana due giorni di preapertura per storni e corvidi

L'Ufficio Caccia della Regione è stato invitato a individuare le due giornate esclusive a partire da sabato 3 settembre.

0
Storno cacciabile

Storni e corvidi La Commissione Regionale Migratoria di Libera Caccia Toscana ha fatto sapere che l’Assessorato Regionale alla Caccia ha ricevuto la richiesta formale per ottenere due giornate di preapertura in relazione a storni e corvidi. I giorni in questione sono considerati esclusivi. L’associazione ha deciso di farsi portavoce di una richiesta del mondo venatorio toscano.

Come si legge nel comunicato, è necessario contenere quelle che sono considerate specie opportuniste e nocive, di conseguenza servono due giornate in più di preapertura. In Toscana, infatti, lo storno è la terza specie più dannosa per quel che riguarda il settore agricolo, un dato emerso da una serie di studi. Non meno distruttive sono le cornacchie e le gazze, senza dimenticare quelle specie che sono solite eliminare uova e piccoli dai nidi.

I cacciatori potranno dunque tornare utili all’agricoltura a settembre, quando ci sarà la preapertura tradizionale alle tortore, ai merli e ai colombacci. La speranza di ottenere la concessione è molto forte, visto che l’associazione è intenzionata a dare un contributo importante al lavoro di chi vive dei prodotti della terra. L’Ufficio Caccia è stato quindi invitato a scegliere i due giorni ulteriori, a partire da sabato 3 settembre 2016.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here