STORNO

0
 

 

STORNO

 

Fenologia
S N R

 StornoStorno
 

 storno STORNO: Descrizione

Lo Storno appartiene all’ordine Passeriformes, famiglia Sturnidae. Di taglia medio-piccola, lo Storno è un uccello compatto con testa grande e tonda, becco lungo, coda corta e ali lunghe e appuntite. In inverno lo  Storno è inconfondibile per il piumaggio nerastro fittamente punteggiato di bianco-giallastro, pervaso da riflessi iridescenti verdastri, azzurri e porpora. In estate, a causa  dell’abrasione a cui è sottoposto il piumaggio, la macchiettatura delle penne scompare, il becco negli adulti diviene giallo limone mentre i giovani nati nell’anno si riconoscono per essere interamente grigi con becco scuro. I sessi sono molto simili, si distinguono durante la stagione riproduttiva per minime differenze di colore alla base del becco.

 
 

Storno
 
 

 storno STORNO: Habitat e areale di diffusione

Lo Storno è un uccello estremamente adattabile, ugualmente a suo agio in città come in campagna. Le condizioni essenziali per l’insediamento sono rappresentate dalla disponibilità di cavità sia artificiali sia naturali in cui nidificare, e da adeguate zone di foraggiamento nelle vicinanze. Lo Storno  nidifica in zone di margine in boschi di caducifoglie, in pioppeti, ma si installa anche in cascinali e centri urbani. La specie è largamente distribuita in Europa, con esclusione di Spagna, Portogallo, Corsica, Sardegna. Lo  Storno è una specie migratrice nella parte settentrionale, sverna in Europa sud-occidentale, Africa a Nord del Sahara, Egitto, Iran e India settentrionale. In Italia lo  Storno è nidificante sedentario, migratore regolare e svernante. Gli storni sono estremamente diffusi su tutto il territorio peninsulare ma molto localizzati in Sicilia, dove nella maggior parte del territorio è sostituito dallo  Storno nero.
 
 

Storno
 
 

 Storno STORNO: Dimensione e andamento delle popolazioni

In Europa sono presenti da 34 a 120 milioni di coppie di storni nidificanti, in Italia si contano da 1 a 3 milioni di coppie. Nell’Europa settentrionale lo  Storno appare in netta e costante diminuzione, mentre l’areale della specie a latitudini più meridionali (Spagna, Italia) è in notevole espansione, sia verso le regioni montane sia verso Sud.
 

 storno STORNO: Conservazione e gestione

Lo Storno non necessita di particolari misure di conservazione, in quanto si adatta a sfruttare le risorse trofiche messe a disposizione dell’attività antropica. In alcune aree gli storni sono così abbondanti da creare danni alle coltivazioni agricole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here