Toscana, Arci Caccia: “Il ricorso contro il calendario venatorio è inconcepibile”

Arci Caccia ribadisce la propria fiducia nel lavoro dei tecnici regionali, che hanno prodotto un Calendario equilibrato.

0
Toscana

ToscanaNella giornata di ieri, i soliti animalisti di casa nostra hanno presentato un ricorso nei confronti del Calendario Venatorio Regionale della Toscana. Nel mirino le preaperture, il prelievo di moriglione e pavoncella e i tempi di caccia per la Regina del Bosco. Nel constatare la pretestuosità dell’iniziativa, frutto di un odio verso il mondo venatorio che niente ha a che fare con la gestione faunistica o le indicazioni del mondo scientifico, Arci Caccia ribadisce la propria fiducia nel lavoro dei tecnici regionali, che hanno prodotto un Calendario equilibrato e ineccepibile dal punto di vista legale, adesso attendiamo fiduciosi il lavoro degli avvocati e la decisione del tribunale, sicuri che i diritti di cittadini onesti, come i cacciatori, saranno in ogni caso tutelati. Arci Caccia Toscana, comunque, ha messo in allerta il proprio staff legale, riservandosi di valutare l’opportunità di coadiuvare la Regione nella difesa del Calendario Venatorio.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here