Udine, il conte va a caccia tra i suoi vigneti: muri imbrattati e atti di vandalismo

Alcuni ignoti hanno scritto insulti e distrutto una cabina da appostamento: la battuta di caccia si era svolta nel pieno rispetto della legge.

0
Il conte va a caccia

Il conte va a cacciaIl conte Francesco Lovaria, discendente dell’antica famiglia e proprietario dell’omonima villa di Pavia di Udine (provincia di Udine), sta vivendo un periodo agitato a causa della contestazione e degli insulti di alcune persone. Il motivo è presto detto, anche se incredibile: il nobile ha preso parte a una battuta di caccia nei vigneti di sua proprietà, un’attività regolare e rispettosa della legge, ma al Comune sono arrivate alcune segnalazioni.

Inoltre, su Facebook si sono moltiplicate le rimostranze, per non parlare degli atti di vandalismo, la naturale conseguenza di un clima d’odio così forte. Alcuni ignoti hanno pensato bene di imbrattare i muri di due abitazioni con frasi inequivocabili, oltre un appostamento da caccia danneggiato. Questa gente ha preso di mira case che non hanno nulla a che fare con il conte, una vera e propria beffa.

Il Comune di Pavia di Udine ha confermato che la battuta è stata regolare, quindi si è decisamente esagerato con le reazioni. Si può anche essere in disaccordo con la caccia, ma il vandalismo non può essere tollerato. L’attività venatoria si era svolta nel rispetto delle leggi in vigore, tra l’altro a 400 metri dalle abitazioni più vicine e senza alcuna contestazione da parte di chi doveva effettuare i controlli.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here