Veneto, Berlato elenca le bugie di chi si oppone alle multe per chi disturba la caccia

Il consigliere regionale ha spiegato che gli oppositori stanno ricostruendo in maniera fantasiosa il contenuto della norma.

0
FIDC Brescia

Multe per chi disturba i cacciatoriIl consigliere regionale del Veneto e presidente della Terza Commissione Consiliare Sergio Berlato ha deciso di intervenire dopo la proposta avanzata da un altro consigliere, Andrea Zanoni, di opporsi alla proposta di legge 182 del 216 che prevede multe salate per chi disturba i cacciatori. Berlato ha elencato tutte le bugie degli anticaccia. Anzitutto, Zanoni afferma che le sanzioni sarebbero previste anche per chi disturba la caccia con la voce, sul proprio terreno o a casa propria.

Inoltre, secondo la ricostruzione fantasiosa di chi si oppone a questa leggere, verrebbero colpiti persino escursionisti, ciclisti, agricoltori e semplici persone che portano a spasso i cani. Berlato ha chiarito tutto: le multe sono state pensate per chi impedisce la caccia e la pesca in maniera intenzionale, visto che si va contro a persone che sono in regola con la legge e hanno versato le relative tasse.

Zanoni e gli oppositori, poi, hanno ricordato come nel 2005 il Tribunale di Milano abbia annullato le sanzioni comminate da una legge simile. In realtà, si trattava di una manifestazione autorizzata dalla Questura e i manifestanti erano scortati per un breve tratto dai Carabinieri. In quel caso ci furono slogan e grida e il giudice non condannò nessuno perchè non si poteva individuare con incertezza chi aveva insultato i cacciatori. Quindi, ogni ricostruzione contraria alla legge contro chi disturba l’attività venatoria è stata prontamente smontata.

4/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here