Wilderness Italia propone Commissario straordinario all’Orso Marsicano

0

Associazione Italiana Wilderness - AIWWilderness Italia propone al Ministro dell’Ambiente un Commissario straordinario all’Orso Marsicano.

Drammatici eventi hanno caratterizzato la popolazione dell’Orso bruno marsicano negli ultimi dodici mesi: l’avvenuta perdita certa di almeno 4 orsi, ai quali va aggiunta la sparizione di un quinto (la famosa orsa “Gemma”, di cui più nessuno ci ha parlato dopo il suo “allontanamento” da quel di Scanno grazie ad alcuni colpi di fucile a pallottole di gomma, operato dagli agenti dello stesso Parco). Una serie di ripetute incursioni di orsi ai pollai (con l’uccisione di uno di essi!) avvenute nel paese di Pettorano sul Gizio (alcune anche con coinvolgimento di persone!); un censimento della popolazione di cui le autorità non hanno finora ritenuto di comunica l’esito, come non si è saputo nulla delle nuove nascite; segnalazioni di sempre nuovi individui nelle zone agricole in tutta l’area circostante il Parco Nazionale ed anche ben lontane dai suoi confini, con sempre meno avvistamenti di esemplari nei confini dell’area protetta; due discutibili esiti delle analisi su esemplari morti, riportanti uno ad una supposta morte per tbc bovina, ed un altro ad uccisione da parte di un altro orso (motivazione alla quale si sarebbe risaliti dopo ben tre mesi dal ritrovamento di una carcassa di diversi giorni!), peraltro insolita a livello mondiale, per di più per un orso del peso di quasi 200 Kg!

Ciò a fronte solo di provvedimenti mirati a vessare le categorie sociali degli allevatori e dei cacciatori, a spingere sempre più lontano gli orsi con l’utilizzo dei recinti elettrificati forse volti più a far risparmiare soldi alle autorità che non ad aiutare l’orso, ad installare inutile cartellonistiche, a piantumare e difendere cespugli di Ramno o a potare e piantare alberi di mele la cui presenza di entrambe le piante è già abbondante in tutte le montagne del Parco, a ricercare malattie di discutibili influenze negative sull’orso (di cui mai aveva sofferto prima!), a proseguire con studi e ricerche di biologia di cui non c’è più alcuna fretta e necessità protezionistica. Tutto ciò a cavallo del provvedimento politico che ha portato alla nomina del nuovo Presidente del Parco, dopo alcuni anni di commissariamento; un provvedimento che finora non sembra aver cambiato di molto le cose, ed anzi, come qualcuno asserisce, ha forse portato “sfiga” all’Orso marsicano.

Come aveva già una volta proposto provocatoriamente, l’AIW ha inoltrato una ufficiale lettera raccomandata AR al Ministro dell’Ambiente per richiedere formalmente che sia al più presto nominato un “Commissario straordinario all’Orso marsicano”, conferendogli i poteri necessari affinché possa agire là dove troppi non hanno saputo o voluto agire. La persona proposta per questo provvedimento è stata la figura dell’ex Commissario del Parco e già suo Presidente, il Dott. Giuseppe Rossi, nativo di Civitella Alfedena (storico Comune del Parco Nazionale d’Abruzzo, da egli anche retto come Sindaco in tempi certamente migliori per l’orso).

a richiesta che l’AIW ha avanzato al Ministro dell’Ambiente, si ispira peraltro anche ad una simile richiesta che lo stesso Giuseppe Rossi ebbe modo di chiedere con una propria nota nella su aveste di Commissario del Parco; nota che non ha avuto alcuna risonanza sulla stampa, e, purtroppo, neppure da parte delle autorità politiche che la hanno ricevuta. Ma, si sa, questa è una prassi nel nostro povero Paese, dove tutti si riempiono la bocca di democrazia, ma che di comportamenti veramente liberali e democratici pochi sono capaci! Si fanno seguire al presente comunicato alcuni stralci della lettera di cui sopra.

F.to Franco Zunino
Segretario Generale Associazione Italiana Wilderness

 

( 9 ottobre 2014 )

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here