Arrestato e condannato per un’arma da guerra, collezionista assolto dopo 7 anni

Si tratta di un magistrato che stava per restituire una carabina dopo essersi accorto della specificità, ma che non ne aveva avuto il tempo.

0
Perugia

Arma da guerraLa Corte di Cassazione ha deciso di annullare la condanna a due anni di reclusione (con pena sospesa) ai danni di Giuseppe De Benedictis, ex gip del Tribunale di Bari e oggi in servizio a Matera. La vicenda giuridica è durata più di sette anni e le accuse sono state molto gravi: detenzione e raccolta illegale di armi da guerra e ricettazione, con tanto di arresto avvenuto nel 2010. Che cosa è successo di preciso? L’uomo è un appassionato di armi, oltre che collezionista di pistole.

Nella sua abitazione sono state trovate 1300 armi acquisite nel corso di due decenni, tutte regolarmente detenute. Una di queste, però, ha fatto scattare le indagini. Si tratta di una carabina acquistata in provincia di Caserta, un’arma da guerra secondo l’accusa, in quanto in grado di sparare a raffica. Il magistrato avrebbe capito subito la situazione, spiegando al titolare dell’armeria campana di restituire l’arma poco dopo. I Carabinieri non glielo hanno permesso e l’impossibilità di restituire la carabina ha portato ai domiciliari per il giudice.

Dopo l’assoluzione in primo grado e l’impugnazione della sentenza., in secondo grado l’uomo è stato condannato, arrivando poi al ricorso per Cassazione. In questi giorni la condanna è stata cancellata in modo definitivo, visto che non c’è stato alcun rinvio. Per i giudici di Piazza Cavour, il “collega” non ha commesso alcun reato, un precedente importante e di cui non si potrà non tenere conto.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here