ATC Bari, associazioni venatorie chiedono stop del commissariamento

Libera Caccia, Federcaccia e Enalcaccia si sono rivolte alle istituzioni per velocizzare l'insediamento del comitato di gestione.

0
Caccia alla lepre

ATC BariIl commissariamento dell’Ambito Territoriale di Caccia Bari e l’impossibilità di insediare il nuovo comitato di gestione. Sono questi i motivi che hanno spinto e convinto le associazioni venatorie della provincia pugliese a scrivere sei giorni fa, venerdì 4 marzo 2016, una nota molto chiara e specifica alle istituzioni che dovrebbero risolvere queste problematiche. La situazione è piuttosto intricata. Come specificato dalla sezione provinciale barese della Federazione Italiana della Caccia, dalla sezione locale di Libera Caccia e da quella di Enalcaccia, l’ATC è commissariato dal 2014, quasi due anni visto che si sta parlando del mese di agosto. Il provvedimento della Provincia di Bari – si legge sempre nel comunicato ufficiale – contrasterebbe diverse norme.

In particolare, si fa riferimento ai commi 11 e 14 dell’articolo 14 della Legge sulla Caccia, vale a dire quello relativo alla gestione programmata del prelievo venatorio, nello specifico le attività di ricognizione delle risorse ambientali e l’erogazione di contributi per il risarcimento dei danni arrecati alle produzioni agricole. Altro testo violato è la Legge della Regione Puglia numero 27 del 1998 e il suo articolo 14 dedicato proprio agli Ambiti Territoriali di Caccia. Lo stesso discorso vale per il Regolamento Regionale 3 del 1999, così come modificato nel 2014, visto che parla di un commissariamento degli ATC che non può durare più di 120 giorni per assolvere alla gestione dell’ordinaria amministrazione.

Libera Caccia, Federcaccia e Enalcaccia ritengono che altro ritardo non sia più tollerabile, visto che si andrebbero a ledere i diritti e gli interessi dei cacciatori. Ecco perché è stata inviata la nota, un invito urgente a ottemperare quanto previsto dalla normativa e a insediare quanto prima il già citato comitato di gestione. In caso contrario le associazioni sono già pronte a rivolgersi all’autorità giudiziaria competente. I destinatari della lettera sono diversi: si sta parlando del Comune di Bari, del Commissario dell’ATC Antonio Camarda e di diversi assessori e consiglieri delegati che si occupano di agricoltura, caccia e pesca.

L’attuale Commissario dell’Ambito è professore associato in Patologia Aviaria presso l’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari. Tra i suoi compiti, i quali sono andati oltre i 120 giorni previsti dalla legge, bisogna ricordare i censimenti, i ripopolamenti e i miglioramenti degli habitat. I ripopolamenti vengono effettuati nel periodo in cui la stagione venatoria è chiusa e lontano dai siti di Rete Natura 2000: sono limitati a una sola specie, quella della lepre europea, con 1100 capi da immettere in base a modalità molto dettagliate e conformi a quanto previsto dagli atti legislativi della Regione Puglia.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here