Caccia abusiva, i Carabinieri sorprendono e denunciano un bracconiere nel Mugello

Sono intervenuti i Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Barberino di Mugello (FI), a seguito di una segnalazione.

0
Bracconiere

BracconiereMilitari della Stazione Carabinieri Forestale di Barberino di Mugello (FI), a seguito di una segnalazione privata che riferiva di attività di bracconaggio venatorio, hanno eseguito una serie di accertamenti in prossimità della strada comunale di Via di Tignano che, dall’abitato di Barberino di Mugello (FI), conduce verso le località Tignano e Casanuova. I militari hanno riscontrato la presenza di un laccio in corrispondenza di un’apertura in una recinzione a maglia sciolta, creato molto probabilmente dal passaggio ripetuto di animali selvatici.

Si trattava di un laccio realizzato con filo di ferro, di cui un’estremità risultava saldamente ancorata alla recinzione e l’altra estremità era piegata in modo da formare un anello, idoneo a chiudersi al collo dell’animale al momento del suo passaggio. I militari, dopo aver reso il laccio innocuo ed inidoneo alla cattura degli animali selvatici, hanno eseguito appostamenti in prossimità del luogo, fino ad individuare una persona che, procedendo a piedi dall’abitato di Barberino di Mugello, si avvicinava all’area e dopo avere ispezionato il laccio, provvedeva a riarmarlo per renderlo efficace.

Questo ha permesso ai militari di poter contestare al soggetto individuato, un cittadino di origini albanesi, il reato previsto dalla legge quadro sulla caccia, Legge 157 del 1992, in particolare per avere esercitato la caccia con mezzo non consentito. Il soggetto è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Firenze

4.92/5 (12)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here