Hamburger di cervo, sapore deciso e delicatezza

Hamburger cervo una rivisitazione sana, gustosa e del tutto innovativa del classico piatto americano

0
Hamburger cervo

Hamburger cervoSaporita e magra: sono queste le due caratteristiche principali della carne di cervo che possono farla preferire a quella di manzo. Con le spezie giuste (rosmarino e ginepro in primis) si può dare un sapore diverso e prelibato che è in grado di conquistare anche il palato più scettico. La ricetta che vi proponiamo oggi è un panino, ma non un semplice sandwich. Perchè non gustare un ottimo hamburger di cervo e scoprire il suo gusto deciso?

Prima di scoprire gli ingredienti, vediamo le caratteristiche del cervo e come cucinarlo.

Caratteristiche del cervo

Hamburger cervoIl cervo è un animale che non passa di certo inosservato per la sua mole.

Il maschio adulto può arrivare a 200 chili e la femmina a circa 120. Tra questi l’eccezione è rappresentata dal cervo sardo che in confronto ha dimensioni decisamente più ridotte.

Solitamente si riproduce una volta all’anno e la gestazione dura circa 7 mesi, alla fine del periodo di solito nasce un solo cucciolo.

Caratteristiche nutrizionali del cervo

La carne di cervo non fa parte della nostra tradizione culinaria italiana, non ci sono molte ricette dedicate all’animale. In realtà potrebbe entrare di più nelle nostre cucine perché è ricco di proteine ed è povero di lipidi. Se lo paragoniamo ad una delle carni da noi maggiormente usate come il tacchino, possiamo notare come quest’ultimo ne contiene decisamente di più rispetto al cervo.

Ideale per chi deve seguire un regime alimentare ipocalorico, meglio non servirla a chi soffre di acido urico.

Come cucinare il cervo

Hamburger cervoCome ogni animale che viene commerciato, il cervo ha diverse tipologie di tagli che devono essere scelti in base alle proprie necessità. Quelli di prima qualità, sono la spalla e la coscia, di seconda sono costine e lombo, e di terza qualità sono collo, pancetta-punta petto. Quest’ultime sono le più facili da reperire e si possono trovare nel supermercato.

La soluzione migliore è rivolgersi ad un macellaio di fiducia che oltre a garantire la qualità della carne, sarà in grado di lavorarla e di tagliarla nel modo giusto soprattutto se non si è esperti.

La carne di cervo proveniente da una battuta di caccia o da un macellaio, ha bisogno di almeno 48 ore di frollatura.

Il sapore della carne è molto particolare e quindi per stemperarlo e renderlo più adatto al nostro palato che non è abituato, meglio procedere con la marinatura.

La più diffusa è quella con il vino rosso, che con il suo sapore deciso, regala una marcia in più alla carne, in alcuni casi, se si preferisce, si può usare anche il vino bianco.

La parte più importante della marinatura, però, rimangono le verdure, tra le più diffuse c’è il sedano, la carota e la cipolla, usata soprattutto per il civet, e gli aromi.

Un elemento usato è la bacca di ginepro che con il suo gusto unico, regalerà un retrogusto del tutto particolare alla carne di cervo.

Di solito si cucina in umido, perchè la cottura lunga permette alla carne fibrosa di diventare più morbida, cosa che invece non cade con una cottura breve.

Ora che abbiamo chiare le qualità della carne e le tipologie di cottura, possiamo vedere gli ingredienti e approfondire la modalità di preparazione.

La ricetta è semplice e facile da preparare, basta dedicare circa mezz’ora alla preparazione dell’hamburger e 5 minuti alla sua cottura e in poco tempo avrete una rivisitazione sana, gustosa e del tutto innovativa del classico piatto americano.

Ingredienti per 5 panini

5 panini per hamburger

Per gli hamburger di cervo:
750 g di carne di cervo macinata
1 rametto di rosmarino
8-10 bacche di ginepro
1 spicchio di aglio
sale q.b.
pepe macinato fresco q.b.

Per la salsa:
2 cetriolini sott’aceto
2 fettine speck sottili
80 g di maionese
2 cucchiaini di senape
1 cucchiaio colmo di erba cipollina tritata

Condimento
5 foglie di insalata verde
mezza cipolla rossa

Preparazione

Per preparare gli hamburger basta avere un po’ di manualità e in pochi minuti avrete il vostro piatto fatto in casa, sano e controllato.

La prima cosa da fare è mettere la carne macinata in una ciotola. Se non si hanno gli strumenti adatti, potete scegliere di far macinare la carne dal macellaio di fiducia.

Aggiungete il rosmarino, le bacche di ginepro e il sale e tutti gli aromi che preferite.

Per amalgamarli alla perfezione, potete tritare con un mortaio in modo da avere una polverina. Per dargli un gusto in più, potete mettere all’interno l’aglio tritato e il pepe macinato.

A questo punto mescolate il tutto direttamente con le mani. Una volta che la carne sarà impastata coprite con pellicola.

Hamburger cervoMentre la carne riposa in frigo, preparate la salsa. Prendete una padella e mettetela sul fuoco. Nel frattempo tagliate lo speck a dadini piccolissimi e fatelo tostare fino a quando sarà croccante e dorato. Una volta cotto e pronto, trasferitelo in una ciotolina.

Ora tagliate i cetriolini a dadini piccolissimi, aggiungete lo speck, la maionese, la senape e l’erba cipollina. Con un cucchiaio mescolate il tutto e coprite la salsa con la pellicola e mettetelo in frigo.

Per dare più gusto all’hamburger lavate le foglie di insalata e asciugatele, poi prendete la cipolla tagliatela a fettine sottili e mettetele da parte.

Preparati i condimenti per il panino, potete riprendete la carne condita. Con l’aiuto di una bilancia elettrica prelevate 150 g di carne e lavoratela con le mani, fino a quando non gli avrete dato la classica forma dell’hamburger. Per facilitare il lavoro potete mettere la carne tra due fogli di carta da forno, così non si appiccica e schiacciatela fino a quando non avrà raggiunto la classica forma a dischetto.

Ora prendete una piastra, mettetela sul fuoco e cuocete gli hamburger di cervo rigirando su entrambi i lati, per un totale di circa 5 minuti.

Una volta pronto, prendete il panino tagliato a metà, mettete un po’ di salsa, l’insalata, l’hamburger di cervo, le cipolle a rondelle, la salsa e coprite con l’altra metà del panino. A questo punto il piatto è pronto e non vi resta che gustarlo

2/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here