Caccia – TAR Marche respinge ricorso animalista contro calendario venatorio 2020-2021

E’ quanto fanno sapere in un comunicato congiunto le associazioni venatorie regionali, Libera Caccia, Arci Caccia, Enalcaccia, e Federcaccia.

0
Marche

Marche“Con ordinanza cautelare n. 321/2020, pubblicata in data odierna, il Tribunale Amministrativo delle Marche si è pronunciato respingendo integralmente l’istanza cautelare integrata nel ricorso amministrativo n. R.G. 402/2020, presentato ancora una volta dall’associazione animalista Lega Abolizione della Caccia (L.A.C.) per l’annullamento previa sospensione del Calendario Venatorio 2020-2021, deliberato dalla Regione Marche con D.G.R. N. 1060/2020”. E’ quanto fanno sapere in un comunicato congiunto le associazioni venatorie regionali, Libera Caccia, Arci Caccia, Enalcaccia, e Federcaccia, costituitesi in giudizio contro il ricorso animalista.

“Il TAR Marche, recependo integralmente le eccezioni delle rappresentanze venatorie – si legge nel comunicato – , ha ritenuto non sussistenti i presupposti cautelari paventati dall’associazione ambientalista a fondamento dell’istanza di sospensione, rilevando preliminarmente l’inesistenza del fumus bonis iuris (la parvenza di un buon diritto nell’atto di ricorso) ancor prima del pericolum in mora, ovvero, la possibilità che il provvedimento impugnato possa determinare un danno irreparabile all’interesse tutelato”.

Continua poi: “Infatti, il Collegio del TAR ha evidenziato come “le censure formulate in ricorso appaiono prima facile infondate …”, ritenendo che ” la Regione Marche” nella redazione del Calendario Venatorio “abbia nella sostanza rispettato la ratio delle norme contestate”, infine, rilevando come i pareri nazionali espressi dall’I.S.P.R.A. siano derogabili nell’esercizio del potere amministrativo regionale in materia faunistico – venatoria”. E’ stata garantita – concludono –  la regolare continuità ed il buon funzionamento del settore faunistico venatorio, che avrebbe, altrimenti, rischiato di trovarsi completamente paralizzato dall’ennesimo attacco ideologico, volto a comprimere ingiustamente gli interessi collettivi sottesi alle associazioni venatorie intervenute in giudizio.

4.2/5 (5)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here