Cacciatori abruzzesi e molisani uniti nella manifestazione di protesta a Pescara

In particolare i cacciatori abruzzesi contestano l'inizio della stagione 2018-2019 il prossimo 1° ottobre invece che il 16 settembre.

0
Cacciatori abruzzesi e molisani

Cacciatori abruzzesi e molisaniI cacciatori abruzzesi sono letteralmente furiosi per la mancata concessione dell’apertura della stagione venatoria 2018-2019 alla data del 16 settembre. Il no della Regione ha indispettito il mondo venatorio, anche perchè era previsto dalla legge regionale: al posto di questa giornata si è deciso di far attendere i cacciatori fino al 1° ottobre, una vera e propria discriminazione. Per questo motivo, domenica 6 settembre 2018 ci sarà una manifestazione a Pescara, con un corteo che partirà dalla stazione e arriverà fino a Piazza Salotto.

L’organizzazione è staa curata dal CST regionale e l’invito è stato esteso anche a tutti i cacciatori del vicino Molise. Le doppiette molisane sono quindi pronte a sostenere quelle abruzzesi per alzare la voce contro le scelte discutibili dell’ente locale. La mancata concessione è la conseguenza delle pressioni esercitate dal WWF, associazione piuttosto attiva in queste settimane con ricorsi (spesso ribaltati in sede giuridica).

Gli ambientalisti si sono rivolti alla Regione Abruzzo lamentando l’assenza di censimenti con dati certi sugli animali da abbattere. Un altro motivo del ricorso è stato quello della mancata approvazione del piano faunistico. L’apertura della stagione è seriamente a rischio, mentre in Molise il calendario ha le sue certezze e ci sarà persino la pre-apertura il prossimo 1° settembre.

5/5 (3)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here