Capanni da caccia: Veneto, Governo riconosce bontà normativa regionale

Capanni da caccia: Veneto, riconosciuta indirettamente la bontà della normativa regionale; Berlato, Ciambetti, Pan: “Eravamo e siamo nel giusto: il governo non ha impugnato la legge veneta sui capanni di caccia”.

0
Capanno da Caccia
Capanno da Caccia

Sulla questione dei capanni per uso venatorio grande soddisfazione di Berlato, Ciambetti e Pad poiché “Il governo italiano non ha impugnato la normativa regionale veneta sui capanni di caccia: la legge approvata nello scorso novembre ora non è più in discussione”.

Con una nota congiunta i primi tre firmatari della legge che regola gli “Appostamenti precari ad uso venatorio”, appunto i capanni di caccia, il presidente della terza Commissione consiliare Sergio Berlato, il presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti e l’assessore Giuseppe Pan, hanno manifestato la loro soddisfazione “perché la mancata impugnazione da parte del governo dimostra che eravamo nel giusto e che, contrariamente a quanto sostenuto dalle opposizioni, la nostra norma andava a sanare una situazione insostenibile e paradossale, vista la quantità e qualità della documentazione che era richiesta per un appostamento temporaneo di caccia, considerato alla stregua di un edificio”.

“Grazie alla nostra legge, – proseguono – non solo l’iter procedurale è stato esemplificato per i cacciatori, ma anche gli uffici tecnici comunali sono stati sgravati da carichi di lavoro impropri. C’è stato un risparmio vero per i Comuni e non si tartassano cittadini che già pagano non pochi oneri per praticare la loro passione venatoria”.

“C’era un errore di fondo – si legge ancora nel comunicato – a cui abbiamo posto rimedio, senza trovare opposizione da parte del governo, perché in origine , cosa abnorme, l’appostamento precario per la caccia era stato fatto rientrare nelle norme di natura urbanistico-edilizia, quando, in maniera molto più adeguata e logica, la questione deve essere affrontata nelle normativa venatoria. La nostra legge non apre nessuna scorciatoia, non consente la realizzazione di opere in contrasto con la natura e l’ambiente, il che sarebbe illogico e controproducente per lo stesso cacciatore. Ora possiamo continuare ad affinare e migliorare le norme visto che la legislazione nazionale ce lo consente: in altre parole, la legge sui capanni è solo un primo passo”.

Ufficio Stampa Sergio Berlato
Presidente terza Commissione regionale e Coordinatore Veneto Fratelli d’Italia – AN

( 1 febbraio 2016 )

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here